Si rivolge alla “Buon Samaritano” e fa condannare usuraio a due anni

La Fondazione ha sostenuto e assistito la persona offesa in tutte le fasi processuali. La vicenda è avvenuta a San Severo

Sentenza

Dovrà scontare una pena di due anni di reclusione per il reato di usura. E’ quanto stabilito dal Tribunale di Foggia, I Sezione Penale, che con sentenza del 15 gennaio ha accolto le richieste della Procura e dei difensori delle parti civili, condannando L.F. nel processo in cui si è costituita parte civile la Fondazione “Buon Samaritano” difesa dall’avvocato E. Rando.

La vicenda è avvenuta a San Severo tra il 2008 e il 2009, quando la vittima, difesa dall’avvocato Adamo Brunetti, ha subito danni morali e materiali a causa del pagamento degli interessi usurari all’imputato e a un altro individuo già condannato per lo stesso episodio con posizione processuale definita in altro procedimento.

La persona offesa è stata sostenuta e assistita in tutte le fasi processuali dalla Fondazione “Buon Samaritano”, che, dopo essersi attivata ancora una volta a sostegno di chi è vittima di un reato così grave, “evidenzia nuovamente la necessità e l’importanza della denuncia, che rappresenta l’unica soluzione per liberarsi dal dramma dell’usura".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Puglia in zona gialla 'rinforzata' fino al 15 gennaio: cosa è concesso fare (e cosa no)

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Orrore nelle campagne di Cagnano, lupo trovato impiccato a un albero

  • Neve fino a quote basse e temperature in calo: oggi tempo incerto, domani sole e giovedì sera la coltre bianca

Torna su
FoggiaToday è in caricamento