Anziana sola in casa chiede aiuto ai carabinieri: militari smontano dal servizio e le portano la spesa e una bombola di gas

La nonnina aveva bisogno di una bombola di gas e di un po’ di spesa, per cui i Carabinieri, dopo il turno di lavoro, si sono attivati per far fronte alla ormai non più singolare richiesta d’aiuto

È giunta lo scorso fine settimana presso la stazione carabinieri di Foggia San Lorenzo, in questo periodo di emergenza aperta al pubblico dalle 09.30 alle 13.30 e dalle 14 alle 17.30, una telefonata da parte di una vedova 81enne, sola in casa e con problemi di deambulazione.

La nonnina aveva bisogno di una bombola di gas e di un po’ di spesa, per cui i carabinieri, dopo il turno di lavoro, si sono attivati per far fronte alla ormai non più singolare richiesta d’aiuto. Ed è qui che è scattata la solidarietà tra cittadini: infatti il fornitore di bombole di gas, appresa la particolare esigenza, ha deciso di donare la bombola, mentre i militari hanno provveduto per la spesa. L’anziana, che si è mostrata sorpresa e commossa, grazie all’aiuto del fornitore e dei militari è riuscita a cucinare un pasto caldo dopo giorni.

Non è la prima volta che i carabinieri ricevono richieste in tal senso, specialmente in questo momento d’isolamento e solitudine di molti anziani; i militari, anche con la partecipazione fattiva di altri cittadini, come in questo caso, si rendono partecipi delle difficoltà della gente, cercando di alleviare il più possibile le loro sofferenze a tutela delle fasce più deboli.

Al riguardo, si ricorda che il comando generale dell’arma dei carabinieri ha sottoscritto e attivato con poste italiane una convenzione grazie alla quale tutti i cittadini di età pari o superiore a 75 anni che percepiscono prestazioni previdenziali presso gli uffici postali, che riscuotono normalmente la pensione in contanti, possono chiedere di ricevere gratuitamente le somme in denaro presso il loro domicilio, delegando al ritiro i carabinieri. 

I carabinieri di Foggia, in questo delicato momento, stanno cercando di dare la massima vicinanza ai cittadini, per rendere meno disagevole la permanenza “forzata” in casa. È ormai un dato di fatto che per chi è solo, magari senza parenti su cui contare in tempi di divieti di spostamenti, la vita quotidiana rischia di essere estremamente difficile.

Val la pena di precisare che negli orari di chiusura della stazione San Lorenzo e delle altre, necessari per favorire i servizi di prossimità esterni, risponde comunque il 112.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Regionali Puglia: i risultati in diretta

  • Ultima ora: rinvenuto cadavere di un uomo

  • Chi potrebbe andare a Bari: ok Piemontese e Tutolo. Incertezza nel centrodestra, in bilico anche Rosa Barone

  • Foggia fa il botto di consiglieri regionali: ecco i nomi dei 'Magnifici 10' che rappresenteranno la Capitanata in Puglia

  • Regionali Puglia 20 - 21 settembre: come si vota

  • Francesco è "grave ma stabile", altre ferite compatibili con un'arma da taglio: è caccia agli autori della violenta rapina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento