Ecco i 'Cacciatori di Puglia', da oggi "cornice della sicurezza" nella terra della 'Quarta mafia'

Inaugurato lo Squadrone Eliportato dal ministro della Difesa Elisabetta Trenta

Cacciatori di Puglia, foto di Roberto D'Agostino

Questa mattina si è svolta la cerimonia di inaugurazione dello Squadrone Carabinieri Eliportato 'Cacciatori Puglia' presso il distaccamento dell'Aeronautica Militare di contrada 'Jacotenente' in agro di Vico del Gargano con lo scopo di "integrare l'azione dei carabinieri sul territorio e rendere più efficace il controllo delle aree più impervie della regione." La cerimonia si è svolta alla presenza del ministro della Difesa Elisabetta Trenta, del capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare, gen. di Squadra Aerea, Enzo Vecciarelli e del comandante generale dell'Arma dei carabinieri, Giovanni Nistri.

Le immagini video

Il nuovo reparto è stato istituito in Puglia (su autorizzazione del ministero della Difesa) dal Comando Generale dell'Arma, sulla base di esperienze già maturate in Sardegna, Calabria e, dal 13 maggio 2017, in Sicilia.

Cacciatori di Puglia: i compiti

Renderà più efficace - è stato spiegato nel corso della cerimonia - il dispositivo dell'Arma, "esercitando una capillare azione di controllo del territorio mediante perlustrazioni e appiattamenti, battute e rastrellamenti, posti di blocco, posti di ascolto e controllo, vigilanza e pattugliamenti eliportati, ricerca di catturandi". "Potrà essere impiegato - precisa una nota - in attività di contrasto al traffico e alla produzione di sostanze stupefacenti, con particolare riferimento alle coltivazioni di piantagioni in aree isolate, e di supporto ai reparti speciali che operano in materia ambientale. Inoltre, per particolari esigenze operative o particolari situazioni di emergenza, lo Squadrone Carabinieri Eliportato 'Cacciatori Puglia' potrà concorrere ad integrare temporaneamente il dispositivo dell'Arma in altre regioni e a rafforzare i servizi svolti dai comandi territoriali, con aliquote di forza di entità variabile". Potrà anche intervenire in operazioni di soccorso in caso di pubbliche calamità, come primo e tempestivo intervento, e nelle attività di ricerca e soccorso di persone disperse in zone impervie. 

L'intervento del ministro Trenta

"La capillarità della presenza di uomini e donne dell'Arma rappresenta per ogni cittadino italiano una garanzia. È la base imprescindibile attraverso la quale si realizza il contatto diretto tra i cittadini e chi ne tutela i diritti. È pertanto mio intendimento proseguire nella strada del rafforzamento di questa preziosissima risorsa che quotidianamente contribuisce a costruire la cornice della nostra sicurezza". Lo ha detto il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta. Parlando dei carabinieri, Trenta ha sottolineato che si tratta di "uomini e donne" che rappresentano "un insostituibile punto di riferimento per il cittadino". "Un ruolo - ha rilevato - che discende direttamente dalla sua originaria identità: forza militare in servizio permanente di pubblica sicurezza". "Tutta l'Italia di questo vi è grata"

"Con la istituzione dello Squadrone Eliportato Carabinieri 'Cacciatori Puglia' assottigliamo ulteriormente la distanza tra territorio e istituzioni, dando un tangibile segnale in risposta alle istanze dell'area garganica che, in tempi non troppo lontani, ha conosciuto l'orrore dell'escalation criminale. I gravi episodi di criminalità avvenuti nel 2017 hanno macchiato con pagine buie la storia di questa splendida regione ma anche, lasciatemi dire, dell'Italia". ha aggiunto il ministro, che ha proseguito: "Oggi , rispondiamo alle legittime preoccupazioni dei cittadini con un dispositivo operativo più aderente alla geografia criminale del territorio, a tutela delle istituzioni e dei valori fondanti della nostra Repubblica quali libertà e giustizia, e in piena attuazione del nostro compito di assicurare difesa e sicurezza alla collettività. Sono particolarmente orgogliosa di essere qui perché inauguriamo un nuovo tassello della Difesa, comparto cruciale del nostro paese.

La ministra della Difesa ha poi concluso: "Oggi si è compiuto un nuovo, ulteriore passo che conferma l'impegno che questo Governo si è assunto in termini di sicurezza e di rispetto della legalità. Contro la criminalità garganica, contro chi pensa di poter calpestare i principi basilari del nostro Stato, da oggi ci sarà un ulteriore presidio a difesa della legalità e dello Stato di diritto". "L'Arma dei Carabinieri rafforza la sua presenza in Puglia con una capacità operativa selezionata e preparata, segno della volontà del Governo di contrastare con le sue forze migliori il crimine organizzato. Un modello che, integrato in un sistema di piena collaborazione con le amministrazioni locali sono certa darà eccellenti risultati, divenendo un importante fattore di moltiplicazione dell'efficienza istituzionale"

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Incredibile al carcere di Foggia, detenuto telefona ai carabinieri dalla cella: "Siamo al ridicolo"

  • Carabinieri setacciano l'area "internazionale" del Santuario di San Pio: scattano arresti e denunce

  • Sequestrati a Curci beni per 16 milioni, che il commercialista "che ha manifestato concreta pericolosità sociale" stava occultando

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

Torna su
FoggiaToday è in caricamento