"Basta farsi gli affari propri, vandali e bulli contano sull'omertà diffusa"

Il primo cittadino: "Essenziale la funzione del Comitato dei genitori, alcune famiglie hanno perso la funzione del controllo sui propri figli. Creeremo una rete di collaborazione tra istituzioni e genitori con dei punti di ascolto"

La riunione

Pungolato da FoggiaToday circa il ruolo del Comune rispetto alla problematica delle baby gang e delle violente aggressioni avvenute in città negli ultimi tempi (leggi qui), questa mattina il sindaco di Foggia Franco Landella ha incontrato, il 'Comitato dei genitori' per parlare degli atti di bullismo e delle aggressioni che si registrano con frequenza sempre maggiore in varie parti della città.

Famiglie foggiane in piazza contro le baby gang 

All'incontro, tenutosi nella Sala Giunta, hanno partecipato anche gli assessori ai Servizi Sociali, Raffaella Vacca, alla Sicurezza, Cinzia Carella, e alla Pubblica Istruzione, Claudia Lioia ed il comandante della Polizia Locale, Romeo Delle Noci. "Quello del bullismo è un fenomeno che stiamo cercando di fronteggiare già da tempo, attraverso il progetto ‘Bullo... ti annullo’, una iniziativa che porta direttamente nelle scuole gli agenti di Polizia Locale, ideato e studiato in collaborazione con l’assessorato alla Pubblica Istruzione ed il servizio Città Educativa", ha spiegato il primo cittadino.

"Si tratta di un problema diffuso a livello nazionale, che andrebbe debellato non solo con la repressione ma attraverso anche l’educazione alla cittadinanza da parte di tutti. La cultura del farsi gli affari propri, che purtroppo serpeggia in modo pericoloso, non fa che alimentare la problematica, perché spesso chi commette atti di vandalismo o bullismo sa di poter contare su una diffusa omertà. Gli atti di bullismo possono sfociare in veri e propri reati, e come Amministrazione comunale abbiamo cercato di fare la nostra parte potenziando il sistema di videosorveglianza a disposizione delle forze di polizia e della magistratura".

"Abbiamo installato telecamere di sicurezza in numero maggiore rispetto a quelle in dotazione al ministero degli Interni. Ritengo essenziale la funzione del Comitato dei genitori – ha proseguito il sindaco Landella – visto che alcune famiglie hanno perso la funzione del controllo sui propri figli. Intendiamo, inoltre, creare una rete di collaborazione composta da istituzioni e genitori con dei punti di ascolto nel centro città aperti a tutti, genitori e ragazzi in primis. In più saremo in prima linea nei tavoli istituzionali sulla sicurezza che si occuperanno del fenomeno. A seguire – ha concluso il primo cittadino – intendiamo istituire un tavolo tecnico con gli assessorati alla Sicurezza, ai Servizi Sociali ed alla Pubblica Istruzione, la Commissione consiliare Socio-Culturale ed aperto ai consiglieri comunali sia di maggioranza che di minoranza al fine di tentare di debellare il problema attraverso azioni mirate”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultima ora: primo caso di Coronavirus in Puglia

  • Terribile incidente nel Foggiano: morto 42enne. Dopo il violento impatto, l'auto si è ribaltata ed è finita fuori strada

  • Tampone su un paziente, si attendono i risultati: quarantena provvisoria per i sanitari entrati in contatto col soggetto

  • In Puglia 5 casi con sintomi sovrapponibili a quelli del Coronavirus: chi rientra a casa dalle zone rosse deve comunicarlo

  • Coronavirus: altri due casi in Puglia, sono la moglie e il fratello del 'Paziente 1' della provincia di Taranto

  • Scacco matto alla pericolosa 'Banda del Buco', otto arresti tra Foggia e San Severo: i nomi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento