rotate-mobile
Lunedì, 3 Ottobre 2022
Cronaca

Truffe Asl, quattro arresti. Anche noto imprenditore foggiano

E' il fratello del consigliere regionale Anna Nuzziello. Accusati a vario titolo di corruzione, turbativa d'asta e falso ai danni del servizio sanitario nazionale. Avrebbero bandito un'inutile gara d'appalto per l'acquisto di ferri per sale operatorie

Si è appena conclusa la conferenza stampa in merito alle quattro ordinanze di custodia cautelare, eseguite alle prime luci dell’alba di questa mattina dai Carabinieri del Nas di Bari.

Con l’accusa a vario titolo di corruzione, turbativa d’asta e falso ai danni del servizio sanitario nazionale, sono stati arrestati l’imprenditore foggiano Vincenzo Nuzziello, fratello del consigliere regionale Anna, due funzionari della Asl del capoluogo di provincia, R.G. e N.D.S. e un tecnico installatore, G.B.

In seguito alla presunta sottrazione degli strumenti delle sale operatorie dei nosocomi di Manfredonia, Cerignola, Lucera e San Severo, l’imprenditore e i due funzionari avrebbero bandito con somma urgenza una gara d’appalto per l’acquisto dei ferri dal valore di 208mila euro, poi risultati essere non collaudati, abbandonati e quindi inutilizzati.

Durante la perquisizione in casa Nuzziello sembra siano stati trovati gli atti del bando di gara con le relative offerte delle cinque società partecipanti presumibilmente controllate indirettamente dall’imprenditore foggiano. La ditta aggiudicataria dell’appalto, la CSS di Foggia avrebbe la sua sede legale in via Grecia 38, nello studio del consigliere regionale della “Puglia per Vendola”, Anna Nuzziello, la quale però non risulta essere indagata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffe Asl, quattro arresti. Anche noto imprenditore foggiano

FoggiaToday è in caricamento