menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gli ordigni sequestrati

Gli ordigni sequestrati

Cocaina, armi e 11 bombe artigianali in casa: arrestato insospettabile di 29 anni

Una "soffiata" ha condotto gli agenti della squadra mobile di Foggia e i colleghi del commissariato di San Severo in Vico Corvo". Il questore: "Abbiamo un modello, non ci resta che risalire la corrente e giungere a chi approvvigiona la criminalità"

Aveva trasformato la mansarda della sua abitazione in una “polveriera”, nascondendo al suo interno 11 ordigni di fattura artigianale, ma altamente offensivi. E’ quanto scoperto dagli agenti della polizia, all’interno di una abitazione in Vico Corvo, a San Severo.

E’ stata una “soffiata” a condurre gli agenti della squadra mobile di Foggia e i colleghi del commissariato di San Severo dritti dritti a casa di un 29enne incensurato, ora arrestato per detenzione illegale di armi, munizioni e materiale esplodente. Lui è Vittorio Sparanero, e gli inquirenti dovranno stabilire se si tratta di un insospettabile prestato al ruolo di “custode” o accertare un suo diretto coinvolgimento negli ultimi attentati dinamitardi messi a segno a San Severo.

Nel dettaglio, divisi tra mansarda e camera da letto, la polizia ha recuperato anche 450 gr di cocaina purissima e due pistole calibro 9 (una con matricola abrasa, l’altra oggetto di furto perpetrato in Svizzera) perfettamente funzionanti e complete di munizioni. Su tutto il materiale sequestrato, la polizia ha avviato gli accertamenti tecnici del caso per stabilire il possibile utilizzo delle armi in recenti eventi criminosi. In questo momento, però, è fondamentale risalire alla provenienza delle bombe artigianali.

“Adesso abbiamo un modello - ha spigato il questore Piernicola Silvis - non ci resta che risalire questa corrente, per individuare chi confeziona tali ordigni (altamente distruttivi per le cose, mortali per le persone) e approvvigiona la criminalità organizzata”. Si tratta infatti di ordigni molto potenti: metà della polvere pirica contenuta in uno di essi è sufficiente, spiegano gli artificieri, a far saltare in aria un bancomat; uno intero è in grado di devastare un negozio o un appartamento. Erano conservati tutti insieme in mansarda, senza rispettare alcuna misura di sicurezza.

BOMBE IN UN BOX DI SAN SEVERO: ARRESTATO 41ENNE

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 17 gennaio, la Puglia torna 'arancione': cosa è consentito fare e cosa no

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento