Maltratta e 'sequestra' la moglie, poi le minacce contro il suocero: "Lo uccido come ha fatto Aghilar a Orta Nova"

Polizia ricostruisce un vero 'inferno domestico'. Arrestato 50enne foggiano: risponderà dei reati di maltrattamenti, lesioni e sequestro di persona nei confronti della moglie, nonché del reato di minaccia aggravata diretta al suocero

Immagine di repertorio

"Ucciderò tuo padre come ha fatto Aghilar ad Orta Nova con la suocera". Così un uomo, ispirandosi ai recenti fatti di cronaca, minacciava la moglie, già vessata da violenze e privazioni della libertà personale. La donna, infatti, era stata 'sequestrata' e tenuta sotto chiave dal marito per due giorni interi, 'concedendole' solo il tempo necessario per svolgere le mansioni domestiche.

La vicenda - un vero e proprio inferno familiare - è stata ricostruita dagli agenti della Squadra Mobile di Foggia che, nella giornata di ieri, hanno eseguito l’ordinanza impositiva della misura della custodia cautelare in carcere, a carico di un uomo, classe 69, gravemente indiziato dei delitti di maltrattamenti a danno del suo nucleo familiare, lesioni e sequestro di persona nei confronti della moglie, nonché del reato di minaccia aggravata diretta al suocero.

L’indagine, diretta dalla Procura della Repubblica di Foggia, ha preso avvio dalle dichiarazioni delle persone offese, in particolare quelle della moglie e dei quattro figli nati da quella unione, di cui tre minorenni. Da subito è emerso un quadro decisamente drammatico, fatto di continui soprusi, insulti, violenze fisiche dirette principalmente nei confronti della moglie da parte del marito, ma a cui, in non rari casi, hanno assistito i quattro figli. Una situazione che, dapprima, ha portato la figlia maggiorenne ad abbandonare la casa familiare ancora quindicenne e che, da ultimo, ha spinto i diversi membri della famiglia a trovare il coraggio di chiedere aiuto alla Polizia di Stato.

Gli investigatori della Squadra Mobile di Foggia sono quindi riusciti a ricostruire un clima di violenza e prevaricazione durato anni, divenuto quotidianità e che ha subito una preoccupante escalation a partire dallo scorso novembre laddove l’indagato  ha rinchiuso la moglie in casa per due giorni consecutivi chiudendola a chiave e consentendole di uscire solo per poco tempo ed esclusivamente per assolvere alle incombenze domestiche. La spirale di violenza ha finito per coinvolgere anche il suocero, nei cui confronti il genero nutriva forti risentimenti al punto da minacciare di incendiargli l’auto o addirittura di compiere gesti più efferati.

Infatti, l’indagato in un’occasione ha riferito alla moglie di voler uccidere il suocero, proprio come aveva fatto Cristofaro Aghilar, ad Orta Nova, uccidendo la suocera, lo scorso ottobre. Lo scenario allarmante accertato dagli investigatori della Polizia di Stato ha determinato la Procura di Foggia a richiedere ed ottenere dal GIP l’emissione di un’ordinanza impositiva della misura della custodia cautelare in carcere per il presunto autore delle condotte criminose, sulla prognosi che l’indagato, se non contenuto, continuerà a dedicarsi alle aggressione delle persone offese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento