Armi e munizionamento in un bunker del Rione Candelaro: due arresti

I due sono ritenuti dagli inquirenti i custodi delle armi e del munizionamento sequestrato, a settembre, in una abitazione-bunker al Rione Candelaro

Quella portata a termine dagli agenti della Sezione Antidroga della squadra mobile di Foggia si presenta come una appendice del blitz portato a termine nel settembre di quest’anno, quando gli agenti della mobile arrestarono, in flagranza di reato, un 54enne del posto, ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente nonché detenzione illegale di arma clandestina e munizionamento vario per pistole calibro 7,65, calibro 9 e calibro 22.

Nemmeno due mesi dopo, gli agenti hanno eseguito una ulteriore ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere emessa dall’ufficio del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Foggia nei confronti di altri due noti pregiudicati foggiani, padre e figlio di 47 e 24 anni, soprannominati “Scarafone”.

I due sono ritenuti dagli inquirenti i custodi delle armi e del munizionamento sequestrato, a settembre, in una abitazione-bunker al Rione Candelaro.

 

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genitori furiosi con Emiliano, che li invita a non mandare i figli a scuola : "La Puglia non è una regione per bambini"

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento