Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca Bovino

Clienti molesti senza mascherina, barista non serve bevande: preso a pugni. Convalidati gli arresti dei quattro foggiani

Sono stati convalidati gli arresti dei quattro ragazzi di Foggia autori dell'aggressione a Luca Giannotti, il fratello del titolare dell'omonimo bar di Bovino. Bloccati sulla strada del ritorno, si sono scagliati anche contro i carabinieri

Sono stati convalidati dall'autorità giudiziaria in sede di udienza tenutasi in videconferenza, gli arresti dei quattro ragazzi di Foggia di età compresa tra i 24 e i 27 anni, accusati di aver sfondato la porta d'ingresso di un bar e preso a pugni il titolare, punito per aver chiesto di indossare la mascherina protettiva e per essersi rifiutato di servire altre bevande.

E' stata disposta la misura cautelare dei domiciliari presso la propria abitazione per due dei quattro soggetti coinvolti nonché la misura dell’obbligo di presentazione alla locale stazione dei carabinieri e la misura cumulativa dell’obbligo di dimora nel Comune di Foggia per i restanti due.   

Domenica scorso, nel Bar Giannotti di Bovino, dopo aver pranzato in una trattoria del centro del paese e consumato alcolici, il branco ha minacciato e aggredito il barista 34enne, fratello del titolare e uno dei presenti che nel frattempo era accorso in aiuto per dirimere la controversia (il video-racconto del titolare del bar).

I quattro si erano dati alla fuga a bordo di due autovetture. Tempestivo è stato l’intervento coordinato delle pattuglie del 112 di Deliceto e Bovino, e di una squadra della Compagnia di Intervento Operativo del XIV Battaglione 'Calabria' presenti quotidianamente su tutto il territorio della provincia dauna su segnalazione delle vittime e dei residenti del comune dei Monti Dauni impauriti per quanto accaduto.

I quattro malviventi sono stati intercettati sulla sp 103. Non paghi di quanto avvenuto poco prima, hanno aggredito e minacciato anche i carabinieri, i quali hanno proceduto al loro arresto per i reati di lesioni personali aggravate, danneggiamento, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale. 

I 4 malviventi, dopo aver ricevuto le necessarie cure ed essere stati portati presso gli uffici del nucleo pperativo e radiomobile della Compagnia di Foggia per le formalità di rito, erano stati condotti presso la casa circondariale di Melfi come disposto dalla Procura della Repubblica di Foggia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Clienti molesti senza mascherina, barista non serve bevande: preso a pugni. Convalidati gli arresti dei quattro foggiani

FoggiaToday è in caricamento