Giovedì, 17 Giugno 2021
Attualità

Polemiche sulla nomina del direttore della Centrale Operativa 118: "Il 'Riuniti' sospenda la delibera in autotutela"

E’ la richiesta del segretario regionale Anaao Assomed, Giosafatte Pallotta, in seguito alle criticità riscontrate sul conferimento dell’incarico, andato al rianimatore Stefano Colelli

Immagine di repertorio

“L’amministrazione del Policlinico Riuniti valuti la sospensione, in autotutela, della delibera per il conferimento dell’incarico di direttore della Centrale Operativa 118”. E’ la richiesta del segretario regionale Anaao Assomed, Giosafatte Pallotta, in seguito alle criticità riscontrate sul conferimento dell’incarico (andato al rianimatore Stefano Colelli).

"La richiesta - inviata anche al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano e all’assessore alle politiche per la Salute, Pierluigi Lopalco - scaturisce “dal clamore mediatico attorno alla vicenda e, soprattutto, del ruolo critico della centrale operativa 118 in questa fase emergenziale, per il quale sarebbe opportuno che non sussista alcun dubbio circa la correttezza della procedura concorsuale”, spiega Pallotta.

Preoccupazione che il sindacato ha "appreso da mezzi dell’informazione" circa "di possibili gravi criticità riguardanti la relativa procedura di avviso pubblico, per le quali sarebbe stata interessata l’Autorità Giudiziaria", secondo quanto comunicato, anche sulle pagine di FoggiaToday, da un legale in rappresentanza di uno dei candidati.

Tra i primi a chiedere chiarezza sull'Avviso Pubblico fu il fronte del Movimento 5 Stelle composto dall’europarlamentare Mario Furore, dai senatori Gisella Naturale e Marco Pellegrini, dai deputati della Repubblica Giorgio Lovecchio e Marialuisa Faro. Ma c'è anche chi si schiera dalla parte di Colelli e invita il mondo della politica a "spegnere le polemiche e potenziare il sistema".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polemiche sulla nomina del direttore della Centrale Operativa 118: "Il 'Riuniti' sospenda la delibera in autotutela"

FoggiaToday è in caricamento