Domenica, 14 Luglio 2024
Attualità Chieuti

Internet a singhiozzo, scatta l'esposto dei sindaci di Chieuti e Serracapriola: "Gravi disservizi"

Il problema dura da tempo. I due sindaci chiedono l'intervento della compagnia

Problemi di connessione a Serracapriola e Chieuti. Il disservizio, fanno sapere dal Palazzo di Città di entrambi i centri, che crea problemi a privati, aziende e uffici pubblici, dura da tempo e riguarderebbe “il grave stato di degrado e abbandono della dorsale principale di fibra proveniente da San Paolo di Civitate alla cabina centrale di Serracapriola” a poco più di 2 anni dalla sua realizzazione.

Come i due sindaci spiegano in un esposto (il secondo, dopo quello dello scorso gennaio e al quale non è stata data risposta) inviato alla compagnia che si occupa di fornire il servizio, il cavo (che dovrebbe essere aereo) in diversi punti non risulta agganciato ai pali (in parte inesistenti o non rimpiazzati a seguito di incendi o spezzati e pericolanti), ma si trova adagiato a terra, nella cunetta e nelle frattaglie come sul ponte del fiume Fortore con conseguenti grossi rischi di furti e manomissioni.

Non solo. In alcuni punti – si legge – il cavo aereo si trova a meno di 2 metri da terra in campi agricoli coltivati e in quei casi il rischio è che venga tranciato, come già verificatosi lo scorso novembre, mettendo così a rischio l’incolumità dei proprietari.

Chiediamo – scrivono il sindaco di Serracapriola Giuseppe d'Onofrio, il primo cittadino di Chieuti Diego lacono e Alessandro Taunisio consigliere delegato del comune di Serracapriola – di voler procedere ad un imminente verifica di quanto segnalato e di provvedere, senza ulteriore ritardo, ad intervenire per rendere la rete sicura ed affidabile sotto ogni punto di viste come previsto per legge al fine di garantire maggiore sicurezza ed integrità della rete stessa e un servizio continuativo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Internet a singhiozzo, scatta l'esposto dei sindaci di Chieuti e Serracapriola: "Gravi disservizi"
FoggiaToday è in caricamento