Gallipoli Calcio corsaro a Vieste: Atletico sconfitto per 4 a 1

Rete della bandiera su un penalty procurato e realizzato da Rocco Augelli, leader della classifica cannonieri con quattro segnature

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Seconda sconfitta consecutiva per l'Atletico Vieste, che dopo aver perso sul campo barese dei Quartieri Uniti si è visto surclassare in casa dal Gallipoli Calcio, formazione che solo un paio di anni fa militava in serie B e che punta a tornare in categorie più consone al blasone cittadino nel più breve tempo possibile. Protagonisti di una buona campagna acquisti estiva, i salentini avevano chiuso entrambe le gare precedenti con pareggi a reti inviolate, ma al Monterisi di Cerignola e in casa col Terlizzi di Pino Giusto, cioè in due partite dall'elevato grado di difficoltà. Con questo bigliettino da visita di tutto rispetto i gallipolini sono scesi in campo a testa alta e intenzionati a giocarsi l'intera posta in palio, grazie all'esperienza di giocatori come Alessandrì e Presicce, al dinamismo di Migali e Negro ed alla prestazione impeccabile del portiere Passaseo.

Da par suo, l'Atletico Vieste aveva la necessità di dimostrare anche in campionato che quello di Bari è stato solo un brutto episodio, provando a ripetere la bella partita svolta in settimana al Miramare di Manfredonia nella gara di ritorno di Coppa Italia. Angelo Terracenere poteva contare di nuovo su Pasquale Bua reduce da due giornate di stop per squalifica, e faceva esordire il neo arrivato centrocampista Giuseppe Grieco giunto ad inizio settimana da San Severo, oltre a confermare Gaetano Cignarale al centro della difesa, alla luce della buona prova di giovedì.

Dopo una lunga fase di studio, al ventesimo Devita cercava la via della porta con una semirovesciata parata da Passaseo senza troppi problemi. Decisamente più difficile si rivelava la deviazione in corner dell'estremo difensore gallipolino sul tiro di Colella da fuori area e destinato ad insaccarsi nell'angolino basso alla sua sinistra. Era il ventinovesimo, un minuto e il risultato si sbloccava: Presicce si involava sulla corsia di sinistra e metteva al centro per Migali bravo a stoppare di testa in area e a girare sul primo palo, alla sinistra di Bua costretto a fare solo da spettatore. Inutili le proteste di Campanella (stoica la sua presenza in campo nonostante la frattura al setto nasale rimediata in Coppa) per un presunto intervento di Presicce a gamba tesa durante la scorribanda sulla fascia.

Il gol subìto toglieva serenità all'Atletico che incassava il raddoppio dopo appena cinque minuti: Presicce, ancora lui, saltava Paolo Augelli e faceva partire un tiro cross che Bua allontanava con i pugni verso la sua sinistra, nella parte di area dove c'era Sollitto che, inspiegabilmente, lasciava scorrere la palla invece di controllarla, permettendo a Savino di approfittarne mettendo in fondo al sacco da posizione defilata.

La reazione viestana al micidiale uno-due si materializzava con varie conclusioni dalla distanza, la più pericolosa veniva scagliata da Grieco e respinta da Passaseo con un intervento che ricordava più un bagher pallavolistico che una parata.

Dopo l'intervallo Terracenere lasciava negli spogliatoi capitan Sollitto (da dimenticare il suo ritorno sulla fascia sinistra) e Murgo (lontana brutta copia del giocatore che aveva ben figurato all'esordio col Racale mettendo a segno anche una rete) facendo esordire Domenico Longo in attacco e Gaetano Corso come terzino. Ma dopo appena quattro minuti il Gallipoli andava ancora a segno, questa volta con Presicce che intercettava un rilancio della difesa, saltava Paolo Augelli e Cignarale e beffava Bua trafiggendolo sul primo palo.

Il portiere del Vieste era bravo quattro minuti più tardi a sventare con le ginocchia la battuta verso la porta di Migali, ben imbeccato dal solito Presicce. Al quarto d'ora Perlangeli (nel frattempo subentrato ad un abulico Devita) dava a Rocco Augelli uno dei pochi palloni giocabili, ma Passaseo era bravo a chiudergli lo specchio.

Era il preludio alla quarta segnatura dei salentini: l'indemoniato Presicce (ampiamente il migliore in campo) attirava su di se l'attenzione di gran parte della difesa avversaria per poi lanciare in profondità l'accorrente Negro che con un pallonetto superava Bua in uscita alla disperata.

Il lungo torello salentino veniva interrotto da alcune azioni che vedevano protagonista Giuseppe Perlangeli la cui gioia personale del gol veniva spenta al 27mo dal solito intervento da applausi del portiere avversario bravo a togliere dall'incrocio un pallone altrimenti destinato a gonfiare la rete.

Al 41mo i padroni di casa mettevano a segno la rete della bandiera con un penalty procurato e realizzato da Rocco Augelli, leader della classifica cannonieri con quattro segnature.

Quattro, come le sberle prese dal Gallipoli che dovranno servire all'Atletico Vieste per risvegliarsi dal sonno profondo in cui è caduto il bel gioco espresso all'esordio e riapparso a Manfredonia in Coppa; la strada per occupare le posizioni di classifica in cui questo organico merita di stare inizia dalla prossima trasferta in terra tarantina, contro quel Manduria vicino all'impresa di battere il Terlizzi, lo squadrone diretto da Pino Giusto capace di ribaltare lo 0-1 di metà gara.

Sandro Siena


Atletico Vieste – Gallipoli Calcio 1-4

Atletico Vieste: Bua, Augelli Paolo, Sollitto (1st Longo), Grieco, Campanella, Cignarale, Augelli Rocco, Compierchio, Devita (8st Perlangeli), Colella, Murgo (1st Corso). A disposizione Orlandino, Gentile, Silvestri, Pasquariello. Allenatore Angelo Terracenere

Gallipoli Calcio 1909: Passaseo, Casalino, Levanto (33st Schiavano), Alessandrì, Sportillo, Tarantino (43pt Verdesca), Savino, Solidoro, Migali (11st Renis), Presicce, Negro. A disposizione Picci, Legari, Gabrieli, Margagliotti. Allenatore Antonio Calabro

Arbitro Diego Di Tondo di Barletta, assistenti Giancarlo Maddalena e Massimiliano Antenore di Bari

Reti: 30pt Migali (G), 35pt Savino (G), 4st Presicce (G), 16st Negro (G), 41st R. Augelli rig. (V)

Ammoniti: Grieco, Cignarale, Campanella (V), Casalino, Levanto (G)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento