menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

ASL Foggia, il servizio agli immigrati si trasferisce in piazza della Libertà: "Punto di riferimento delle comunità straniere"

L’ambulatorio S.T.P. cambia sede. Lo comunica la Direzione. Da oggi il servizio per gli Stranieri Temporaneamente Presenti sul territorio è operativo presso il Presidio distrettuale di Foggia, in piazza della Libertà 1, al primo piano

L’ambulatorio S.T.P. della ASL Foggia cambia sede. Lo comunica la Direzione. Da oggi il servizio per gli Stranieri Temporaneamente Presenti sul territorio è operativo presso il Presidio distrettuale di Foggia, in piazza della Libertà 1, al primo piano.

"Il trasferimento da via Spalato consente di migliorare, nel suo complesso, l’offerta sanitaria per gli immigrati privi di permesso di soggiorno, in un’ottica globale di integrazione - si legge nella nota -. La nuova sede, facilmente raggiungibile con trasporti pubblici dagli insediamenti informali presenti in Capitanata, renderà maggiormente accessibili e fruibili i percorsi di assistenza, sia sanitaria che amministrativa, in risposta ai bisogni specifici dei cittadini stranieri. Nella stessa struttura, infatti, sono presenti le attività di specialistica ambulatoriale, il Servizio Sociale distrettuale, l’Ufficio Relazioni con il Pubblico, l’Ufficio di Anagrafe Sanitaria e la P.U.A. (Porta Unica di Accesso).

Tale organizzazione integrata mira a garantire all’utenza una corretta e completa informazione e a meglio orientarla verso un utilizzo appropriato dei servizi territoriali (Consultori familiari, Poliambulatori, attività dipartimentali). In tal modo, l’ambulatorio potrà diventare un punto di riferimento per le comunità straniere temporaneamente presenti e per i loro bisogni di salute. I cittadini extracomunitari senza permesso di soggiorno possono usufruire di assistenza medica in tutte le strutture pubbliche del Servizio Sanitario Nazionale. Possono, in pratica, effettuare visite di medicina generale. Hanno diritto, inoltre, a ricevere cure ambulatorie ed ospedaliere, urgenti o comunque essenziali; cure per malattia ed infortunio; interventi di medicina preventiva; assistenza farmaceutica e protesica".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento