Salute

La Puglia tra le prime regioni a sperimentare l'app 'Immuni'

La tecnologia utilizzata non consentirà in alcun modo di risalire ad informazioni sensibili dell’utilizzatore e per questo motivo è stata anche esclusa la funzionalità di localizzazione geografica

La Puglia sarà tra le prime regioni di Italia a sperimentare la app 'Immuni”. Il prof. Pier Luigi Lopalco, dirigente del coordinamento per le emergenze epidemiologiche della Regione Puglia spiega che si tratta di uno strumento a supporto delle attività di contact tracing svolte quotidianamente dai dipartimenti di prevenzione nella lotta all’epidemia da Covid 19.

Lopalco precisa: "Ci hanno comunicato che per poter prendere il via, le funzionalità della app sono state sottoposte a una valutazione da parte del Garante della Privacy. La tecnologia utilizzata non consentirà in alcun modo di risalire ad informazioni sensibili dell’utilizzatore e per questo motivo è stata anche esclusa la funzionalità di localizzazione geografica"

L'epidemiologo aggiunge e conclude: "Nel futuro, un soggetto che risultasse positivo al tampone, sarà contattato dal medico di riferimento e, se ha scaricato la app, invitato a segnalare la positività sul sistema. In quello stesso istante, partirà un messaggio a tutti i possibili contatti avvenuti nei giorni precedenti, che saranno invitati a rivolgersi al sistema sanitario per le valutazioni del caso”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Puglia tra le prime regioni a sperimentare l'app 'Immuni'

FoggiaToday è in caricamento