Politica

Movimento Politico Schittulli, De Vita soddisfatto: “Liste a Foggia, Lucera e San Severo

Ciò rappresenta un ulteriore ed importante passo del radicamento anche in Capitanata, ritenuta parte essenziale della Regione Puglia, così come più volte ha affermato il prof. Francesco Schittulli

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

La direzione convocata dal segretario provinciale del Movimento politico Schittulli, esprime grande soddisfazione per la presenza di liste a Foggia, San Severo e Lucera per il rinnovo dei Consigli comunali e per l’elezione dei sindaci. Ciò rappresenta un ulteriore ed importante passo del radicamento anche nel territorio della Capitanata, ritenuta parte essenziale del più vasto territorio della Regione Puglia, così come più volte ha affermato il prof. Francesco Schittulli, presidente del Movimento: “L’area territoriale pugliese  comprende un insieme di popolazioni, storie, tradizioni, culture, economie, per cui bisogna individuare le linee guida (culturali e politiche insieme) per operare sinergicamente così da ottenere quei benefici effetti che possono risolvere i piccoli e grandi problemi delle persone che nel territorio giornalmente vivono, lontani dalla politica spettacolo e conflittuale, dall’ideologia degli interessi personali, dai misfatti che (perfino in loro nome) la politica compie”.

Pertanto, proprio perché la terra di Capitanata deve riscattarsi da quel ruolo di subordinazione e di rassegnazione dalle altre realtà territoriali pugliesi è importante un rinnovato impegno confinando nell’angolo le seduzioni populistiche dell’antipolitica purtroppo ahimè generata dagli stessi partiti ancorati al potere fine a stesso, per ottenere o meglio promuovere un più ampio consenso possibile al Movimento politico Schittulli che, comunque, è parte attiva nel più ampio schieramento che caratterizza il centrodestra.

Caratterizzato da una propria autonomia e diversità, produce i suoi effetti quando gli uomini e le donne che ne fanno parte si assumono, con umiltà e spirito di servizio, il compito di dare dignità alla politica, di sensibilizzare una più ampia partecipazione non solo degli eletti, ma soprattutto dei cittadini e di mettere al primo posto il rispetto della persona in quanto tale. Sono questi gli strumenti che danno certezza alla democrazia partecipata  che sui territori assumono la veste di democrazia di prossimità, specialmente in questo tempo storico di disaffezione all’impegno politico, aggravato da una diffusa crisi che non è solo economica, finanziaria ed occupazionale ma anche valoriale.

Per quanto riguarda l’altro appuntamento elettorale del 25 maggio, per il rinnovo del Parlamento Europeo, il Movimento è direttamente impegnato con la lista di Forza Italia con a capo il suo Leader dell’Italia Meridionale, On. Raffaele Fitto. Per questo i componenti del movimento sono chiamati ad attivarsi affinché si consegua un buon risultato elettorale che veda Fitto e gli altri candidati che varranno eletti ,a dare una forte spinta innovativa e di grande mutamento all’azione politica Europea.

Il semplice rigore ancorato alla politica monetaria non è la risoluzione per la crescita dei popoli che fanno parte dell’Unione Europea. Infatti, l’Unione tra i popoli dell’Europa presuppone anche politiche unitarie che necessariamente devono riguardare anche gli altri aspetti che attengono al sistema sociale, alla legislazione sul lavoro, al sistema fiscale, agli affari esteri, all’organizzazione militare. Non è possibile che su questi aspetti, l’Europa si presenti ad un mondo sempre più globalizzato, in ordine sparso con più voci e con pratiche e comportamenti diversificati, che non fanno sperare nulla di buono per il progresso stesso dei popoli che ne fanno parte.

La Politica monetaria così come fino adesso attuata ha mostrato il fianco a quei movimenti che in nome del “Fuori dall’Europa” portano avanti la loro battaglia che non fa sperare nulla di buono,  perchè ci si potrebbe ritrovare di fronte ad uno scenario da incubo: inflazione senza freni, prezzi in continuo aumento, costi elevati dei mutui con le banche, meno soldi in tasca ed il potere d’acquisto dei salari e delle pensioni in caduta libera.

Per cui è nostro preciso dovere auspicare che l’unione Europea abbandoni una volta per tutte quei parametri di rigidità che hanno prodotto, su larga scala, malessere sociale, crisi economica e soprattutto  disoccupazione, dimenticandosi che al primo posto ci devono essere quelle misure idonee affinché cittadini che quotidianamente affrontano le difficoltà della vita, possano finalmente riscoprire la speranza di una Europa migliore rispettosa del primato della dignità degli uomini e delle donne in ogni ambito di vita e di lavoro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Movimento Politico Schittulli, De Vita soddisfatto: “Liste a Foggia, Lucera e San Severo

FoggiaToday è in caricamento