Manfredonia: presto un Comitato di controllo ambientale tecnico-scientifico

Per valutare il possibile impatto generato dal futuro funzionamento della centrale a biomasse in località Paglia

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Si scrive Cats e si legge Comitato di controllo ambientale tecnico scientifico. Compito di tale organismo è quello di “analizzare i possibili impatti generati dal futuro funzionamento della centrale elettrica alimentata a CDR/biomasse in località Paglia, nel Comune di Manfredonia”.

Un organo di consultazione, privo di personalità giuridica, destinato a garantire la difesa dell’ambiente e della salute pubblica. A istituirlo con un protocollo d’intesa, il Comune di Manfredonia, il Comune di Cerignola e la società Energie Tecnologie Ambiente (Eta), costruttrice della centrale elettrica.

Il Cats sarà composto da quattro tecnici di provata e documentata esperienza professionale e scientifica in campo ambientale, scelti a livello universitario o in primari e riconosciuti istituti di ricerca nazionali, in rappresentanza del Comune di Manfredonia, del Comune di Cerignola, delle Associazioni ambientaliste riconosciute in campo nazionale, e della società Eta.

Un organismo super partes ma che, al tempo stesso, rappresenti tutte le parti in causa, per garantire il massimo della trasparenza e della comprensione di una iniziativa che si configura come frontiera avanzata nel settore della tecnologia per la produzione di energia elettrica da fonti alternative”, ha commentato il sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi, al termine della riunione di Giunta Comunale che ha approvato il protocollo d’intesa fra le parti interessate nella costituzione del Cats, e le Linee guida del Regolamento sul funzionamento del Comitato di controllo.

Nessuno, a cominciare da me –ha affermato Riccardi–, vuole fare qualcosa che possa in qualche modo arrecare danno alla popolazione e alle attività di riferimento. La cultura dalla quale provengo è quella di un incondizionato rispetto dell’ambiente e di tutto quanto in esso si sviluppa. Ma che comprende anche il dovere di attivare quelle iniziative che guardano oltre il contingente, e tengono conto del mutare dei tempi e delle nuove esigenze. Spero, pertanto, che questo organismo condiviso valga a calmare gli animi, a guardare con più fiducia alle nuove tecnologie e a contribuire responsabilmente a realizzarle”.

Le funzioni prioritarie del Cats sono: esame dei dati conseguenti al monitoraggio delle emissioni; analisi dei dati derivanti dal monitoraggio ambientale e sanitario richiesto con l’Autorizzazione Ambientale Integrata, avvalendosi della possibilità di individuare e di richiedere la presenza di esperti esterni al fine di ulteriori contributi informativi e conoscitivi; richiesta di approfondimenti tecnici, se ritenuti necessari; attivazione di iniziative per la divulgazione dei dati.

Il Cats darà comunicazione periodica o a specifica richiesta, attraverso i media istituzionali dei Comuni interessati e quelli di maggior diffusione, sia cartacea sia su internet.

 

   

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento