Apricena, Potenza: “Orgoglioso di aver abbattuto il cementificio”

Sono assolutamente tranquillo e fiducioso nell’operato della Magistratura convinto come sono che al termine del processo otterrò la piena assoluzione e l’encomio

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

ANTONIO POTENZA - Dovrei preoccuparmi se un manipolo di consiglieri comunali, capeggiati dalla giunta Zuccarino – Pasqua, mi ha denunciato per diffamazione a seguito della pubblicazione di un manifesto, avvenuta nel lontano 2008, dal titolo eloquente “DISASTRO AMBIENTALE AD APRICENA”?  Assolutamente no”!

Condivido ogni parola di quel manifesto e rifarei, oggi più che mai, ogni atto fatto, in tutti questi anni, contro il cementificio e i suoi artefici. Peccato che a commissionare il manifesto non sia stato io, ma una tale circostanza ha poca importanza da punto di vista politico.

Coloro i quali dovrebbero avere un attimo di contrizione per tutti i saccheggi inferti, ad Apricena e agli apricenesi, in tutti questi anni, specie per quanto attiene l’affare “Cementificio”, si vorrebbero presentare al pubblico come agnellini calunniati dal sottoscritto.

Sono assolutamente tranquillo e fiducioso nell’operato della Magistratura convinto come sono che, al termine del processo, otterrò la piena assoluzione e l’encomio. Proprio così, perché insieme a tutte le associazioni ambientaliste e a tutti i cittadini, abbiamo combattuto una battaglia di civiltà per la salute nostra e dei nostri figli.

C’era chi combatteva per se stesso e per i propri affari, ma questo i cittadini di Apricena lo hanno capito e hanno inferto loro una dura lezione che ricorderanno per sempre.  Con me si vuole processare la stragrande maggioranza dei miei concittadini che la pensano assolutamente come me e che hanno condiviso tutte le mie battaglie.

Allora dovranno celebrare un processo di massa perché su questo argomento tutti si sentono “ANTONIO POTENZA”, in quanto accomunati da una uguale speranza: quella di vivere in un ambiente salubre.

Sono certo che, i movimenti di base ambientalisti e i cittadini tutti, non mi faranno mancare la loro solidarietà come non me l’hanno fatta mancare in tutti questi anni a partire da quel famoso e fantastico manifesto “DISASTRO AMBIENTALE AD APRICENA” che ha risvegliato la coscienza di ogni singolo concittadino.

La sovranità, in tema ambientale, spetta al popolo e non già a coloro i quali esercitano il potere in nome del Popolo. Ma questi sono argomenti troppo difficili da capire per chi ha una visione padronale della “cosa pubblica”

 

 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento