Rischio autolesivo, un protocollo d’intesa tra l'Asl e le carceri di Foggia e Lucera

Uno staff multidisciplinare stilerà programmi di assistenza individuali per i detenuti con problematiche psichiche e a rischio suicidio

Immagine di repertorio

“Sorveglianza particolare” per i detenuti con problematiche psichiche e a rischio suicidio. A breve la medicina penitenziaria nelle case circondariali di Foggia e Lucera sarà rafforzata grazie ad un accordo stipulato con la ASL FG.

L’intervento, finalizzato a prevenire il rischio autolesivo in persone provenienti dallo stato di libertà o condizioni di disagio manifestati da soggetti già in stato di detenzione, prevede una intensificazione della consulenza psicologica e neuropsichiatrica.

I detenuti, dal momento del loro arrivo e durante l’intera esecuzione della pena, riceveranno, nei casi in cui verrà riscontrato uno stato di disagio, assistenza psicologica da una equipe multidisciplinare, composta da personale interno al carcere e del Dipartimento di Salute Mentale della ASL FG.

Compito dell’equipe specializzata sarà quello di redigere un programma individualizzato di assistenza e cura, con la definizione di interventi professionali specifici a breve, lungo e medio termine. Il monitoraggio dei detenuti sottoposti ad assistenza psicologica particolare avverrà periodicamente attraverso la valutazione congiunta con le rispettive direzioni dei due carceri, le quali riserveranno una stanza allestita in modo tale da assicurare l’incolumità dei soggetti che richiederanno un attento monitoraggio custodiale e sanitario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al termine dell’esecuzione della pena, i soggetti con problematiche psichiche che rientreranno nel territorio di provenienza saranno presi a carico dal personale delle ASL competenti. Il protocollo d’intesa è stato firmato dal Direttore generale della ASL FG Attilio Manfrini, dal Direttore della Casa Circondariale di Foggia Mariella Affatato e dal quella del Carcere di Lucera Davide Di Florio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento