menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Patto Fiscale Locale: accordo raggiunto a Stornara, TARI sarà meno cara

Confesercenti Foggia che annuncia di aver iniziato un percorso analogo anche con il Comune di Monte Sant’Angelo dichiaratosi disponibile a raccogliere la proposta

Accordo raggiunto con l’amministrazione comunale di Stornara circa la rimodulazione dell’applicazione della TARI, la tassa sui rifiuti, che, dal 1° Gennaio 2014, sostituisce il prelievo vigente fino al 31 dicembre 2013 (TARES). La TARI rappresenta la componente relativa al servizio rifiuti dell’Imposta Unica Comunale (IUC) ed è destinata a finanziare integralmente i costi del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti a carico dell’utilizzatore. Intesa resa possibile dalla disponibilità della Giunta Comunale di Stornara e salutata con grande soddisfazione dalla Confesercenti Foggia che annuncia di aver iniziato un percorso analogo anche con il Comune di Monte Sant’Angelo dichiaratosi disponibile a raccogliere la proposta sul Patto Fiscale locale.

Il presidente della Confesercenti, Carlo Simone: “L’accordo prevede che i contribuenti che nel 2013 hanno pagato un’imposta superiore del 200% rispetto al 2012, nel 2014 usufruiranno di un riduzione d’imposta del 50%; quelli che hanno pagato un’imposta superiore del 100% rispetto al 2012, nel 2014 usufruiranno di un riduzione d’imposta del 20%. E’ prevista anche un aggiornamento dei tributi per coloro che, per effetto delle incongruenze normative, hanno pagato una minore imposizione rispetto ai rifiuti prodotti”. Non sono le uniche novità individuate.

L’accordo sottoscritto a Stornara prevede anche  di lasciare per i prossimi anni invariata l’imposizione fiscale locale, la costituzione di un tavolo di lavoro per valutare la possibilità di ridurre i costi dei servizi resi dal Comune e restituire al contribuente riduzioni d’imposte. Inoltre l’Amministrazione si è impegnata a valutare di ridurre ulteriormente i tributi locali ai Pubblici Esercizi che s’impegnano a non installare nelle proprie attività video giochi per scommesse”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento