Economia

Migliaia di matrimoni ed eventi fermi al palo: dalla Puglia un protocollo per le riaperture in sicurezza

"Abbiamo già predisposto un protocollo di prevenzione per le riaperture in sicurezza con la Regione Puglia che può servire da modello anche a livello nazionale, per far ritornare a lavorare migliaia e migliaia di imprese e professionisti della vastissima filiera che è dietro all'organizzazione di un matrimonio e degli altri eventi privati"

Foto da Palermotoday

“Dalla riunione di domani del Cts ci aspettiamo una data precisa per la riapertura del comparto del wedding e degli eventi privati". Così Michele Boccardi, presidente di Assoeventi (l'associazione di Confindustria dei settori Events, Luxury e Wedding) e Serena Ranieri, presidente di Federmep (la Federazione matrimoni ed eventi privati). "Non smetteremo mai di ricordare che il nostro settore opera con una programmazione semestrale ed annuale, per cui è e sarebbe impossibile per noi adeguarci a decisioni governative e tecniche last minute".

"Abbiamo già predisposto un protocollo di prevenzione per le riaperture in sicurezza con la Regione Puglia che può servire da modello anche a livello nazionale, per far ritornare a lavorare migliaia e migliaia di imprese e professionisti della vastissima filiera che è dietro all'organizzazione di un matrimonio e degli altri eventi privati" aggiungono.

Il protocollo è stato redatto dal comitato tecnico-scientifico coordinato dall’assessore alla Salute Pier Luigi Lopalco. Inoltre il 23 marzo il consiglio regionale ha approvato all’unanimità la mozione presentata dalla consigliera regionale del Movimento 5 Stelle, Antonella Laricchia, con la quale è stato chiesto alla Regione di sostenere la creazione di un distretto del wedding, tra i settori senza dubbio più colpiti dalla crisi, peraltro non riconosciuto in un unico codice Ateco.

“Siamo molto fiduciosi che il lavoro svolto dalla conferenza delle regioni possa dare risultati al più presto per restituire alle imprese e ai professionisti del settore, alle coppie e alle famiglie, certezza sul futuro perché i matrimoni e gli eventi privati necessitano di una programmazione che va abitualmente dai 6 ai 12 mesi" spiegano Boccardi e Ranieri.

Nel 2020 in Puglia sono stati annullati 16mila matrimoni, 8,5 su 10. Una perdita in termini di ricavi del 90% rispetto all’anno precedente. Tra i più colpiti i titolari delle sale ricevimenti, ma anche fiorai, commercianti, fotografi, musicisti, artisti, camerieri, cuochi e wedding planner. Centinaia i posti di lavoro persi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migliaia di matrimoni ed eventi fermi al palo: dalla Puglia un protocollo per le riaperture in sicurezza

FoggiaToday è in caricamento