rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Economia

Mai così tanti pugliesi in difficoltà: a Pasqua, tavole vuote per 120mila poveri

E’ quanto emerge dall’analisi di Coldiretti Puglia, divulgata alla vigilia delle festività pasquali dove cresce il numero dei pugliesi in povertà relativa che non riescono più a garantirsi il cibo quotidiano

Mai così tanti pugliesi in difficoltà a Pasqua, con oltre 120mila persone costrette a chiedere aiuto per mangiare, per colpa della guerra e dell’aumento dell’inflazione che colpisce i prezzi del carrello della spesa.

E’ quanto emerge dall’analisi di Coldiretti Puglia, divulgata alla vigilia delle festività pasquali dove cresce il numero dei pugliesi in povertà relativa che non riescono più a garantirsi il cibo quotidiano. Cresce però anche la solidarietà, con la Coldiretti che insieme alle realtà economiche più importanti del Paese ha donato oltre 6 milioni di chili di frutta, verdura, formaggi, salumi, pasta, conserve di pomodoro, farina, vino e olio 100% italiani, di alta qualità e a chilometri zero

“Fra i nuovi poveri – spiega la Coldiretti – ci sono coloro che hanno perso il lavoro, piccoli commercianti o artigiani che hanno dovuto chiudere, le persone impiegate nel sommerso che non godono di particolari sussidi o aiuti pubblici e non hanno risparmi accantonati, come pure molti lavoratori a tempo determinato o con attività saltuarie che sono state fermate o danneggiate dalle limitazioni rese necessarie in due anni di pandemia. Persone e famiglie che mai prima d’ora – precisa la Coldiretti – avevano sperimentato condizioni di vita così problematiche”.

La punta dell’iceberg delle difficoltà in cui si trova la Puglia è rappresentata dal numero cresciuto esponenzialmente di persone a rischio povertà, con un’incidenza media pari al 30,4%. Tra le categorie più deboli in Puglia si contano oltre 30mila bambini di età inferiore ai 15 anni che hanno bisogno di essere assistiti e sono a forte rischio di povertà anche educativa e di dispersione scolastica, ma anche gli anziani a basso reddito, con un esercito di nuovi poveri di cui circa 1/3 è rappresentato da uomini e donne con più di 65 anni – aggiunge Coldiretti Puglia - che non possono pagarsi un pasto completo o le bollette di luce e riscaldamento.

“La stragrande maggioranza di chi è stato costretto a ricorrere agli aiuti alimentari lo fa attraverso la consegna di pacchi alimentari – insiste Coldiretti – che rispondono maggiormente alle aspettative dei nuovi poveri (pensionati, disoccupati, famiglie con bambini) che, per vergogna, prediligono questa forma di sostegno piuttosto che il consumo di pasti gratuiti nelle strutture caritatevoli”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mai così tanti pugliesi in difficoltà: a Pasqua, tavole vuote per 120mila poveri

FoggiaToday è in caricamento