Economia

“Alla Asl Fg si assumono infermieri perché quelli in servizio svolgono altre attività”

La denuncia alla direzione generale della Asl di Foggia da parte della Federazione Sindacati Indipendenti del segretario territoriale Achille Capozzi.

“La direzione generale dell’Asl di Foggia è consapevole di quanto sta accadendo oppure e concentrata su altre questioni?” Il riferimento della Federazione Sindacati Indipendenti è alla delibera del 23 dicembre scorso con la quale – si legge – “venivano recepiti, con immediata esecutività, il contratto integrativo aziendale ed il regolamento relativo alle presenze e alle assenze del personale di comparto”.

Al momento però – denuncia il segretario territoriale Achille Capozzi – “non risulta che il personale interessato abbia ricevuto i dettagli sull’osservanza del regolamento, di competenza dei dirigenti di macrostruttura, i quali, ad oggi, si sono semplicemente limitati solo ad impartire disposizioni limitative e restrittive circa i recuperi delle ore o la fruizione delle ferie, senza attenersi a quanto sancito dal regolamento”.

Per il sindacato “da questo atteggiamento ‘superficiale’ deriva il completo disorientamento dei dipendenti sugli orari di entrata e di uscita antimeridiani e, ancor peggio, sugli orari pomeridiani”. E ancora, si legge, nella nota stampa: “A peggiorare tutto ciò c’è il rischio che i dipendenti vengano trasferiti da una sede all’altra senza il rispetto degli accordi di mobilità”.

Incalza la segreteria territoriale del capoluogo dauno: “Alla Asl di Foggia si assumono infermieri poiché quelli già in servizio vengono ‘utilizzati’ impropriamente per svolgere attività, nella maggior parte dei casi, di natura amministrativa. L’assegnazione dei neo assunti, inoltre, avviene senza tener conto delle istanze di mobilità interna del personale che, ormai da anni, è in attesa di trasferimento”.

Non tornerebbe nemmeno ci i conti, in quanto – denuncia il sindacato – “l’acconto sulla produttività riferito agli anni 2015-16 sarebbe dovuto corrispondere a circa il 40% dell’intero importo, mentre ai lavoratori sono state liquidate somme irrisorie o, per meglio dire ‘ridicole’”. Capozzi ed FSI concludono: “Quindi, all’Asl di Foggia regna il caos più totale generato da chi improvvisa e, di contro, da chi se ne lava le mani”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Alla Asl Fg si assumono infermieri perché quelli in servizio svolgono altre attività”

FoggiaToday è in caricamento