Casa Divina Provvidenza, il commissario Cozzoli esulta: "Operazione salvataggio pienamente riuscita"

Il 1° ottobre 2019 termina il periodo biennale durante il quale il Commissario Straordinario ha svolto il monitoraggio sull’attività di Universo Salute – Opera Don Uva Srl. Il bilancio di Cozzoli

“Il 1° ottobre 2019 termina il periodo biennale durante il quale il Commissario Straordinario ha svolto il monitoraggio (previsto dalla normativa) sull’attività di Universo Salute – Opera Don Uva Srl, acquirente dei complessi aziendali della Congregazione Ancelle della Divina Provvidenza in Amministrazione Straordinaria (ai sensi della c.d. Legge Marzano) e sul rispetto degli obblighi contrattuali assunti. Ebbene, l'importante lavoro di risanamento svolto nel corso della gestione commissariale dei complessi aziendali della Casa Divina Provvidenza* -che ha creato le premesse per la cessione dei medesimi- sancita con la messa nel possesso di Universo Salute - Opera Don Uva in data 1° ottobre 2017, a distanza di 2 anni trova definitiva conferma; l’operazione di salvataggio può pertanto dirsi pienamente riuscita". Così l’avv. Bartolomeo Cozzoli, Commissario Straordinario della Casa della Divina Provvidenza.

"Due anni fa, avevamo restituito alla Comunità pugliese e lucana un asset importante della sanità con un bilancio finalmente in pareggio; questo dopo aver recuperato nel 2017, in termini di marginalità, il disastroso risultato operativo che avevamo ereditato dalle precedenti gestioni insolventi, pari ad un rosso di 23 milioni di euro.

Nel periodo di amministrazione straordinaria tutte le competenze stipendiali e le forniture dell’Ente sono state puntualmente corrisposte grazie alle razionalizzazioni operate (senza ricadute su personale e qualità dei servizi erogati).

L’azione di risanamento nel periodo 2014-2017 è stata infatti svolta salvaguardando il know how professionale dei circa 1500 lavoratori impiegati nei tre siti di Bisceglie, Foggia, e Potenza e mantenendo i livelli occupazionali che sono stati interamente garantiti (unico caso nel panorama nazionale) con l'operazione di cessione finalizzata dal Commissario Straordinario, senza peraltro fare ricorso ad ammortizzatori sociali.

Nel biennio post-cessione, Universo Salute - Opera Don Uva, conformemente agli obblighi contrattuali assunti, ha assicurato la continuità aziendale e mantenuto i livelli occupazionali, garantendo ai lavoratori l’impiego nelle proprie strutture, per il periodo 2017-2019.

Non solo! Dai dati monitorati è emerso che, inter alia, la stessa acquirente dei complessi aziendali, ha continuato nell'attività iniziata dell’amministrazione straordinaria e nel solco di quest’ultima ha mantenuto ed implementato i principi di sana gestione introdotti, come dimostra (1) l’acquisizione della certificazione di qualità ISO  9001:2015, conseguita a maggio del corrente anno, (2) la conversione di numerosi posti letto (giusti provvedimenti regionali), (3) l’avvio della riclassificazione dei pazienti ortofrenici, al fine di valutare un diverso setting assistenziale, in relazione alla gravità delle patologie in atto (e dunque, definire la tipologia di trattamento se considerarlo riabilitativo di tipo sanitario ovvero socio sanitario, nel rispetto dei Regolamenti Regionali vigenti) ed (4) pieno utilizzo del tetto di spesa assegnatole.

L’azione positiva sotto il profilo economico è anch’essa proseguita sotto la gestione di Universo Salute – Opera Don Uva che, beneficiando delle condizioni nuove dei contratti di appalto e delle risoluzioni/rinegoziazioni contrattuali effettuate dall’amministrazione straordinaria,  ha raggiunto di risultati positivi già nel 2017 che si sono consolidati nel 2018 raggiungendo, in tale anno, un margine operativo lordo positivo per circa € 3.000.000 ed un risultato ante imposte, positivo per circa € 1.900.000. E’ la prima volta dopo diversi decenni che l’azienda chiude il proprio bilancio realizzando utili.

Anche i dati del primo semestre 2019 confermano la tendenza al consolidamento dei risultati positivi che, peraltro, risultano ulteriormente rafforzati per effetto delle predette azioni poste in essere da Universo Salute – Opera Don Uva: il risultato di esercizio 2019 potrebbe chiudersi con utili anche raddoppiati rispetto al 2018.

Il biennio di monitoraggio post-cessione si conclude, quindi, con l’evidenza di un’azienda sana e solida dal punto di vista economico, che ha rispettato gli obblighi contrattuali assunti col Commissario Straordinario, che ha avviato programmi di crescita e che finalmente realizza utili d’impresa. La Casa della Divina Provvidenza viene restituita del tutto alla sfera privata, così come era prima dell’intervento dell’amministrazione straordinaria.

L’auspicio finale è che tutti accompagnino l’Opera Don Uva, supportandola ed aiutandola a restare all’interno di un percorso di benessere assistenziale, aziendale e di legittimità” conclude Cozzoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

  • Blitz antidroga nell'alto Tavoliere: una dozzina di arresti e perquisizioni nell'operazione 'Jolly'

Torna su
FoggiaToday è in caricamento