Vico del Gargano, ragazzo s’incatena in piazza perché vuole lavorare

Insieme a lui sono scesi in piazza altri giovani. All'unisono chiedono alle imprese di non assumere personale straniero. In corso una riunione interna in aula consiliare alla presenza del sindaco Luigi Damiani

Vittime della disoccupazione giovanile, alcuni ragazzi di Vico del Gargano sono scesi in piazza per protestare contro quelle aziende che assumono personale straniero a scapito di quello italiano e per lanciare un grido d’allarme alle istituzioni.

Un ragazzo è tuttora incatenato ai piedi del monumento dei Caduti in piazza San Domenico e costantemente monitorato anche dagli operatori del 118 in virtù delle avverse condizioni climatiche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questo pomeriggio la questione è stata affrontata nell’aula consiliare nel corso di una riunione interna tenutasi alla presenza del sindaco Luigi Damiani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 16: tir si ribalta a pochi chilometri da Foggia, un morto e un ferito

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Si torna a ballare in Puglia: verso la riapertura di club e discoteche all'aperto

  • Covid: nove dei 10 contagi sono del focolaio di Torremaggiore. Tre ricoverati e 83 persone in quarantena

  • Il gruppo Amadori vende azienda del Foggiano per 30 milioni. I nuovi proprietari sono le 'Fattorie Garofalo' di Capua

  • Rimprovera comitiva chiassosa, ispettore di polizia accerchiato e aggredito sotto casa: grave episodio a San Severo

Torna su
FoggiaToday è in caricamento