Aggredisce donna e ferisce il marito con un coltello da cucina: in manette quarantenne

Si tratta di Kalid Fadil, cittadino marocchino. Dopo una banale lite con una connazionale, l’uomo l’ha aggredita con un coltello da cucina, ferendo in maniera grave il marito di quest’ultima intervenuto per difenderla

I Carabinieri della Stazione di Torremaggiore hanno tratto in arresto per tentato omicidio Kalid Fadil, quarantenne di origine marocchina.

I fatti risalgono alla notte del 4 agosto scorso, quando al 112 giungeva una segnalazione da parte di alcuni cittadini residenti a Torremaggiore, in via Marsala, i quali riferivano di una violenta lite tra condomini, di origine straniera, che si stava consumando in quel momento, nella quale una delle persone coinvolte era rimasta ferita in maniera seria. Sul posto sono giunte subito una pattuglia dei militari locale Comando Stazione ed altre in ausilio, nonché personale del 118.

I carabinieri hanno subito fermato Kalid Fadil, dopo aver accertato che poco prima, al culmine di un litigio con una connazionale scaturito per futili motivi, era uscito dalla propria abitazione, armato di un grosso coltello da cucina e l’aveva ferita in modo non grave ad un braccio.

In soccorso della donna era quindi intervenuto il marito, con il quale l’aggressore è venuto subito alle mani. Nel corso della colluttazione il Fadil ha sferrato un violento fendente in direzione del volto del malcapitato che, nel tentativo di difendersi, è stato ferito gravemente all’avambraccio sinistro e al collo. La vittima è stata soccorsa da personale del 118 e trasportata presso l’Ospedale Civile di San Severo, dove è stata sottoposto ad intervento chirurgico all’arto ferito, e le è stata suturata la ferita da taglio alla gola.

Dopo aver acquisito le numerose testimonianze utili alla ricostruzione dei fatti, i militari, non avendo trovato sul posto l’arma del delitto, hanno dato il via alle ricerche della stessa. Le serrate ricerche hanno consentito ai carabinieri dii rinvenire il coltello, che era stato pulito e ben occultato, presso l’abitazione di Fadil. In relazione a quest’ultimo fatto, è stata deferita in stato di libertà per favoreggiamento Zouane Fatima Zahra, classe ’90, consorte del Fadil. L’aggressore, con diversi precedenti di polizia, è quindi stato dichiarato in arresto e tradotto presso il carcere di Foggia, dove dovrà rispondere di tentato omicidio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • VIDEO - Brumotti irrompe nel quartiere 'Fort Apache' di Cerignola: non solo droga, "qui si preparano gli assalti ai blindati"

  • Si sfiora la rissa in Chiesa, zuffa tra parrocchiani e neocatecumenali (che vogliono la corona misterica): "Giù le mani dal crocifisso"

  • Referendum Costituzionale, il 29 marzo si vota sul taglio dei parlamentari: tutto quello che c'è da sapere

  • Come in un film, in tre tentano di assaltare negozio ma sulla scena irrompono i carabinieri: immobilizzati e ammanettati

  • Ultima ora - Arresti all'alba nel Foggiano: scoperti rifiuti interrati nel Parco del Gargano

  • Violenti scontri nel Foggiano: tafferugli tra baresi e leccesi sulla A16, incendiato un veicolo

Torna su
FoggiaToday è in caricamento