Gli interessi alternativi della mafia nel Foggiano: infiltrazioni nella pubblica amministrazione e business del caporalato

Lo rileva la relazione al Parlamento della Dia. Dopo lo scioglimento dei Comuni di Monte Sant’Angelo e di Mattinata, il riscontro è nei numerosi provvedimenti interdittivi emessi dal Prefetto di Foggia nei confronti di imprese condizionate dai sodalizi del posto"

Monte Sant'Angelo - Immagine di repertorio

Ci sono anche 'interessi alternativi' a quelli convenzionali nelle logiche delle mafie di Capitanata. Lo rileva la relazione al Parlamento della Direzione Investigativa Antimafia (secondo semestre 2018).

"L’interesse della criminalità verso la pubblica amministrazione, già emersa in occasione dello scioglimento delle amministrazioni comunali di Monte Sant’Angelo e di Mattinata, ha trovato riscontro, nel corso del semestre,  nei numerosi provvedimenti interdittivi emessi dal Prefetto di Foggia nei confronti di imprese risultate in qualche modo condizionate dai sodalizi del posto", si legge.

"Si segnala, in particolare, il provvedimento disposto, per collegamenti con il clan Romito, nei confronti di un’impresa titolare di una concessione demaniale marittima per la gestione di uno stabilimento balneare. La misura amministrativa è stata adottata in attuazione di un protocollo di legalità stipulato tra la Prefettura ed i comuni rivieraschi, inteso ad estendere la preliminare valutazione antimafia alle imprese che svolgono attività ricettive".

"Per quanto attiene ai rapporti con le altre organizzazioni criminali, specie straniere, una particolare attenzione continua a meritare nel foggiano il fenomeno del caporalato, oltre che per gli aspetti di illegalità che coinvolgono la filiera agricola, anche per i profili di ordine e sicurezza pubblica: le già ricordate stragi della strada del 4 e del 6 agosto 2018, nelle quali hanno perso la vita 16 giovani braccianti africani, ne sono un tragico esempio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

Torna su
FoggiaToday è in caricamento