Rapina gioielleria “Follie D’Oro”: tre arresti a Lucera, un ricercato

L'inseguimento da parte dei carabinieri si è concluso sulla Biccari-Foggia. L'auto dei rapinatori è finita in una cunetta e ha preso fuoco. Due cerignolani e un agricoltore di Orta Nova sono finiti in manette

Auto nella cunetta

Sono accusati di rapina aggravata in concorso i tre malviventi arrestati ieri dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia di Lucera. Si tratta di un agricoltore di Orta Nova, un elettricista e un muratore di Cerignola.

Intorno alle 15, i tre, accompagnati da un complice ancora in via di identificazione, si sono resi protagonisti di una rapina ai danni della gioielleria “Follie D’Oro” nel centro commerciale sito lungo la Sp 109.

Con il volto coperto da passamontagna e sotto la minaccia di una pistola semiautomatica, hanno immobilizzato la commessa e asportato dai cassetti vari monili in oro, il cui valore commerciale si aggirerebbe intorno agli 80mila euro.

Al termine dell’azione criminosa uno dei banditi si è recato presso il supermercato “Despar” sito di fronte alla gioielleria e si è fatto consegnare il denaro contante presente nel registratore di cassa, circa 300 euro.

Dopo aver guadagnato l’uscita, i tre sono fuggiti a bordo di un’Audi A6 di colore nero. In un primo momento è stata una pattuglia del commissariato di polizia ad ingaggiare invano un breve inseguimento. Poi, appresa la notizia, i carabinieri hanno predisposto alcuni posti di blocco al fine di localizzare i malfattori.

I malviventi in fuga sono stati intercettati lungo la Sp 117 che collega Biccari a Foggia. Dopo un inseguimento durato alcune centinaia di metri, a causa dell’alta velocità, l’Audi A6 ha terminato la sua corsa in una cunetta e ha preso fuoco. Usciti immediatamente dal mezzo i quattro occupanti sono scappati per le campagne circostanti. Tre di loro sono stati raggiunti e ammanettati. Uno è riuscito a far perdere le proprie tracce.

VIDEO RAPINA CLICCA QUI

In prossimità dell’autovettura è stata rinvenuta l’arma utilizzata per la rapina, una pistola semiautomatica calibro 9, con colpo in canna e un serbatoio contenente 6 cartucce, risultata oggetto di furto commesso a Cesena nel 2000.

Gli arrestati, dopo le formalità di rito, sono stati tradotti presso la casa circondariale di Lucera. Le indagini sono coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lucera, sotto la direzione del Dott. Pasquale De Luca.

Sono in corso accertamenti approfonditi finalizzati a stabilire la provenienza dell’autovettura, nonché il coinvolgimento degli arrestati in episodi analoghi. Nel corso della serata e della notte è stata battuta palmo a palmo l’area in cui è terminato l’inseguimento al fine di localizzare il quarto rapinatore.

I Carabinieri delle Compagnie di Foggia e Cerignola hanno inoltre eseguito diverse perquisizioni domiciliari, al fine di raccogliere elementi utili all’identificazione del quarto rapinatore che probabilmente potrebbe essere identificato nelle prossime ore.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genitori furiosi con Emiliano, che li invita a non mandare i figli a scuola : "La Puglia non è una regione per bambini"

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento