menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Portano via un cane con la forza, volontaria aggredita e minacciata: "Sgozzo te e la Melfitani, poi incendio il locale"

È accaduto a Foggia in Corso Giannone. La denuncia di Anna Rita Melfitani, presidente dell'associazione Guerrieri con la Coda: "Sappiamo chi sono e abbiamo un video"

Attraverso le colonne di FoggiaToday l'associazione 'Guerrieri con la Coda' denuncia un increscioso episodio avvenuto la mattina del 17 maggio presso la 'Casa di Angelo' di Corso Giannone

Come da denuncia sporta da una volontaria dell'associazione animalista ai carabinieri, quella mattina due donne si sarebbero introdotte nei locali per prelevare una cagnetta, spingendo la vittima fino a farla cadere a terra.

Una delle due sarebbe passata alle minacce verbali ("mi ha intimato di lasciarla andare altrimenti avrebbe sgozzato me e la Melfitani, e dato fuoco al locale"), e prima di dileguarsi avrebbero chiuso il cancelletto (dal quale nel frattempo altri cani erano scappati), per evitare, probabilmente, di essere raggiunte. Una avrebbe fatto perdere le proprie tracce salendo a bordo di un'auto guidata da un altro signore, mentre l'altra, dopo essersi allontanata a piedi, avrebbe preso un autobus. 

Ai militari dell'Arma la vittima ha spiegato l'antefatto, ovvero che quella mattina, davanti al locale di Corso Giannone, si era presentata una signora che le aveva riferito di essere interessata all'adozione di un cane, in particolare di una cagnolina presente in quel momento nella 'Casa di Angelo', di cui conosceva anche il nome. Non potendo avviare l'iter per l'adozione, la volontaria aveva avvertito telefonicamente la responsabile dell'associazione (l'unica deputata ad autorizzarle) delle intenzioni della donna. In attesa che sul posto arrivasse Anna Rita Melfitani, nel frattempo la donna e la complice portavano a compimento il piano. 

A FoggiaToday Anna Rita Melfitani si riserva di raccontare in un secondo momento la storia della cagnolina prelevata dalle due donne, che era stata presa in carico dai 'Guerrieri con la Coda': "In questa fase non possiamo svelare i dettagli della vicenda - che parte da lontano - ma sappiamo chi sono i soggetti che hanno compiuto questo gesto, siamo in possesso anche di un video"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 17 gennaio, la Puglia torna 'arancione': cosa è consentito fare e cosa no

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento