Cronaca

Incidenza sotto la zona rossa in Puglia: è di 231. Il solito picco del giovedì 'sporca' la curva dei contagi in calo

Puglia zona rossa o arancione da lunedì 26 aprile? Il caso del picco dei contagi sempre di giovedì. La curva dei contagi è in effettiva flessione già dalla scorsa settimana

I quasi 1900 contagi registrati oggi hanno "sporcato" l'andamento settimanale in Puglia, dove fino a ieri la media giornaliera era inferiore ai mille casi. Una impennata che innalza anche l'incidenza nel periodo 16-22 aprile, che la Cabina di regia dell'Istituto Superiore di Sanità terrà in considerazione per determinare la nuova colorazione delle regioni. 

Tuttavia, l'incidenza raggiunta dalla Puglia è di 231.2 casi per 100mila abitanti, abbondantemente sotto la soglia critica dei 250 casi, nonché il dato più basso da oltre un mese a questa parte. Era dal periodo 26 febbraio-4 marzo che in Puglia l'incidenza non scendeva sotto il valore di 250 (226.3). Allora si era ancora in zona gialla. 

A rigor di logica, considerando anche la netta riduzione del numero complessivo di ricoverati (-112 rispetto cinque giorni fa, ndr), e confidando in una stabilizzazione dell'indice rt, la Puglia avrebbe tutti i numeri per ambire al ritorno in zona arancione a partire da lunedì 26 aprile. La curva dei contagi è in effettiva flessione già dalla scorsa settimana.

Gli oltre 700 contagi rilevati in più rispetto alla giornata di ieri (con tasso di positività quasi raddoppiato da 8,8% al 15,2%) potrebbero indicare anche una nuova recrudescenza della situazione epidemiologica in Puglia - ed essere valutati come tale dalla Cabina di regia - oppure essere semplicemente il frutto di una tardiva classificazione di contagi già registrati nei giorni scorsi, ma inseriti nel database solo oggi. 

Ad avvalorare la tesi dei metodi e tempi di classificazione c'è un dato che balza agli occhi analizzando l'andamento dei contagi in Puglia negli ultimi quaranta giorni: il giovedì è sempre il giorno in cui si verifica il picco settimanale dei nuovi positivi.

Una coincidenza che, escludendo la settimana in corso, si è verificata ben quattro volte nelle precedenti cinque settimane (il 15 aprile con 1867 casi, l'8 aprile con 1974 casi, il 1° aprile con 2369 casi - record assoluto - il 18 marzo con 2082 casi).

L'unica eccezione è rappresentata dalla settimana 22-28 marzo, quando il picco fu raggiunto nella giornata di venerdì (2162 casi), ma nella quale comunque il giovedì in Puglia si contarono 2033 nuovi contagi. Qualcosa di analogo accade anche nella provincia di Foggia, dove ai 35 casi di ieri sono seguiti i 347 di oggi.

Una distonia della curva che si potrebbe spiegare anche con i tempi di comunicazione dei casi da parte delle singole province. Dai primi di marzo, infatti, in Capitanata si registrano pochissimi casi di mercoledì (o di martedì) e una netta impennata il giorno successivo. 

Comunque, nella provincia di Foggia l'incidenza a sette giorni è giunta a 232.5 casi per 100mila abitanti, la più bassa da oltre un mese a questa parte, nonché la terza più bassa della Puglia, dove le sole province di Bari (267), Bat (257.3) e Taranto (280.1) risultano ancora oltre la soglia. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidenza sotto la zona rossa in Puglia: è di 231. Il solito picco del giovedì 'sporca' la curva dei contagi in calo

FoggiaToday è in caricamento