menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il luogo dell'omicidio

Il luogo dell'omicidio

Omicidio Daniel 'Offa', ipotesi e rivelazioni di 'Campagne in Lotta': "Tutto fa pensare che si tratti di una vendetta"

Tra le ipotesi al vaglio degli inquirenti un regolamento di conti post rissa tra stranieri. Secondo Campagne in Lotta si tratterebbe di ben altro, di una vendetta per un episodio legato a qualche anno fa

Chi è perchè giovedì sera ha ucciso con due colpi d'arma da fuoco Daniel Nyarko mentre in sella alla sua bici percorreva via Trinitapoli?

Campagne in Lotta tira fuori una tesi diversa da uno dei moventi al vaglio degli inquirenti, ovvero un regolamento di conti post rissa avvenuta tra stranieri qualche ora prima dell'omicidio a Borgo Tressanti. Collegamento tra i due episodi che ha portato all'esecuzione dello stub su quattro persone.

Attraverso una nota stampa 'Campagne in Lotta' sostiene invece che il 51enne - bracciante agricolo e guardiano notturno del fondo in cui viveva insieme insieme alla compagna - sia stato assassinato davanti all'uscio della sua abitazione nei pressi di Borgo Mezzanone per un motivo ben più grave. "Chi conosceva Daniel, detto ‘offa’ o zio, in segno di rispetto, racconta un’altra storia, che coinvolge un sistema di racket italianissimo. Pare infatti che Daniel qualche anno fa avesse contribuito all’arresto di una banda dedita alle estorsioni, che dopo avere ricevuto il rifiuto del proprietario del fondo di pagare il pizzo aveva tentato di rubare dall’azienda alcuni mezzi agricoli. Era stato proprio Daniel ad opporsi e a chiamare la polizia. Dopo qualche anno di carcere, gli arrestati sono stati rilasciati proprio pochi giorni fa, e tutto fa pensare che si tratti di una vendetta".

In più, rileva 'Campagne in Lotta', conoscenti e amici dicono che non avesse mai frequentato Borgo Tressanti: "Come al solito, sono gli stranieri e i poveri a fare il lavoro sporco e a pagare le conseguenze più terribili di un sistema malato fatto di sfruttamento, violenza e prevaricazione. Alla memoria di Daniel, un fratello e un amico. Rest in power"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento