Domenica, 21 Luglio 2024
Cronaca

Tabaccaia uccisa a coltellate, commercianti scossi: "Reagiamo con forza e coesione"

Confcommercio rimarca la necessità di azioni concrete di coesione e di partecipazione

Non si può morire sul posto di lavoro. È l’amara riflessione che arriva da Confcommercio Foggia a seguito dell’assassinio della tabaccaia Francesca Marasco. Una amarezza che però non deve permettere alla rassegnazione di avere la meglio.

“Siamo profondamente turbati. L’uccisione della titolare della tabaccheria di via Marchese de Rosa, nostra associata – dichiara il presidente di Confcommercio Imprese per l’Italia provincia di Foggia, Antonio Metauro – ha scosso gli animi non solo degli operatori commerciali, ma dell’intera cittadinanza. Non vi può essere giustificazione alcuna per ciò che è accaduto”.

“In questa triste occasione – continua Metauro – siamo al fianco delle forze dell’ordine, che sapranno assicurare i responsabili alla giustizia. Ma non basta: è necessario che ciascun foggiano, ogni associazione cittadina e le istituzioni tutte sappiano reagire con forza: alla criminalità si deve rispondere con azioni concrete di coesione e di partecipazione. Non dobbiamo arretrare di un passo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tabaccaia uccisa a coltellate, commercianti scossi: "Reagiamo con forza e coesione"
FoggiaToday è in caricamento