Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca Ospedale - Parco San Felice

Marino:"Mettere in sicurezza antisismica il blocco maternità a Foggia"

Convocati per il 10 luglio in Commissione gli assessori Attolini e Amati per discutere dei lavori nel reparto maternità e per la costruzione dei cinque nuovi nosocomi.

Con una nota il Consigliere regionale Dino Marino, presidente della Commissione Sanità, fa il punto sulla situazione relativa al reparto maternità degli Ospedali Riuniti di Foggia e sulla costruzione dei cinque nuovi ospedali.

"Ho convocato per il 10 luglio, in Commissione, l’assessore Attolini e l’assessore Amati affinché svolgano un’informativa approfondita sulla costruzione dei nuovi cinque ospedali. In primo luogo perché questa iniziativa, che può essere suggellata da un accordo di programma con il Ministero della Salute, è innanzitutto un atto di programmazione e come tale deve passare nella Commissione competente. In questo momento, in cui siamo chiamati a dare un parere sulla seconda fase del Piano di Riordino ospedaliero, è utile capire quali implicazioni hanno le annunciate costruzioni con il piano stesso.

In secondo luogo mi sembra necessario chiarire perché la provincia di Foggia sia fuori da questa mappa di nuove costruzioni, anche se in Capitanata l’emergenza sanitaria vera non è la costruzione di un nuovo ospedale, ma la messa in sicurezza antisismica del blocco maternità dell’ospedale di Foggia. Non c’è un problema strutturale, come per l’altro blocco che abbiamo risolto in questi anni, ma il rischio sarebbe grave se  dovesse verificarsi un terremoto della stessa intensità di quello dell’Emilia o di quello che alcuni anni fa colpì Casalnuovo Monterotaro e San Giuliano in Molise. Stiamo parlando della zona più sismica della Puglia", prosegue Marino.

"Questa emergenza assume una doppia valenza: da un lato quello relativo alla sicurezza degli operatori e dei pazienti, dall'altro il fatto che in quel blocco insistono la maggior parte delle sale operatorie dell’ospedale foggiano che in caso di terremoto collasserebbe.

Un rischio che non possiamo permetterci di correre e per questo ritengo utile segnalare questa priorità che non può essere trattata con sufficienza o con distrazione. Stiamo parlando del secondo ospedale della Puglia, del nosocomio regionale della Puglia nord, riferimento di un territorio vasto in cui sono stati già chiusi tre ospedali e altri ne verranno ridimensionati con il nuovo piano".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marino:"Mettere in sicurezza antisismica il blocco maternità a Foggia"

FoggiaToday è in caricamento