Gli Amici della Domenica al sindaco: "Il buio genera sconforto"

E' una lettera aperta del gruppo all'indirizzo di Gianni Mongelli. Tiene banco il tema dell'illuminazione pubblica carente in varie zone della città

Carissimo signor Sindaco,

"il rapporto di stima che mi lega personalmente a Lei mi porta a scriverle con il cuore in mano, per chiedere a Lei, il mio Sindaco, perché nella nostra Città ci sono zone lasciate al buio da settimane.

Interi quartieri, sembra sempre gli stessi, non hanno illuminazione pubblica: Rione Candelaro, i quartieri settecenteschi, altre zone centrali e periferiche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Noi cittadini domandiamo chiarezza. Quali sono le cause di questo perdurare del buio? Sono problemi tecnici dovuti all’allagamento delle strade o piuttosto problemi economici dovuti a pagamenti non effettuati all’ente erogatore d’energia? Perché migliaia di famiglie da settimane sono costrette a scendere in strada con una pila in mano per evitare di cadere o di essere investite dalle auto? Qualora ci siano concrete esigenze di risparmiare sulla bolletta della luce, c’è un criterio di rotazione nel lasciare al buio strade o quartieri?

Sono poche domande, dirette, che cercano risposte altrettanto dirette, nello spirito che ha sempre animato il Gruppo Amici della Domenica. Noi crediamo fermamente che essere cittadini attivi voglia dire interloquire con Enti ed Istituzioni, in un rapporto di stima e fiducia reciproche. Solo un rapporto di questo genere, che richiama trasparenza negli atti amministrativi, può contribuire in qualche modo a salvare questa città dallo sprofondare nel degrado e nello sconforto.

Si, perché trovarsi al buio genera sconforto. Non avere risposte genera sconforto. Rimanere incollati ai vetri per aspettare i propri figli che rincasano la sera, con la continua ansia e paura che possa loro accadere qualcosa a causa del buio, genera sconforto. Non sentire la città casa propria genera sconforto.
E dallo sconforto c’è una sola strada per uscire: parlare, interloquire in maniera chiara e trasparente
".

Un saluto di cuore
Chiarastella Fatigato per gli Amici della Domenica
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • E' morto Dario Montagano: l'imprenditore sanseverese trovato senza vita in giardino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento