menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Monte Sant'Angelo

Monte Sant'Angelo

Infiltrazioni mafiose al Comune di Monte Sant'Angelo? Ispezione della Prefettura

La rabbia degli attivisti del Laboratorio Urbano per la Legalità "Rita Atria" e di Legambiente. "Chiediamo agli attuali e ai vecchi amministratori di darci spiegazioni: una cosa del genere non nasce dal nulla"

C’è rabbia e preoccupazione, a Monte Sant’Angelo. Sentimenti contrastanti eppure complementari a cui danno voce, oggi, gli attivisti del LUL – Laboratorio Urbano per la Legalità “Rita Atria” e di Legambiente Circolo FestambienteSud.

“Quello che sta accadendo nella cittadina Unesco – si legge nella nota stampa - ha tutte le caratteristiche di un finimondo: la prefettura di Foggia ha ravvisato la necessità di avviare la procedura ispettiva che, se dovesse giungere a un certo esito, potrebbe culminare con lo scioglimento dell’amministrazione comunale, per infiltrazioni mafiose, da parte del Ministro dell’Interno”.

“La commissione di accesso agli atti, di cui fanno parte il vice prefetto di Cosenza, il vice questore di Foggia e il comandante dei Carabinieri di Manfredonia, sta lavorando. Ha già cominciato a frequentare gli uffici comunali e sta prelevando carte. Chiediamo agli attuali e ai vecchi amministratori di darci delle spiegazioni: non è possibile che una cosa del genere nasca dal nulla”.

E, come segnale di maggiore gravità, ravvisato dai due gruppi vi è “il clima di rassegnazione che si respira in città. La comunità di Monte Sant’Angelo sta abituandosi davvero a tutto? A parte un comunicato scarno dell’opposizione, che ha richiesto un consiglio comunale straordinario, il silenzio. Chiediamo alla parte sana della città di uscire e di prendere posizione in maniera chiara di fronte ad un argomento che crediamo stia a cuore a tutti, perché in ballo è il futuro di questa città, ora come non mai”.

Che cosa ha mosso la prefettura ad avviare questa gravissima e clamorosa procedura? Questo l’interrogativo principale. “Non è possibile che chi governa la nostra comunità non sappia, non sospetti. Chiediamo inoltre ai partiti quale ruolo hanno avuto per lasciare spazio a possibili infiltrazioni mafiose nelle istituzioni. Quando i partiti e i movimenti politici sono in grado di esercitare quel filtro etico che “sempre” dovrebbero esercitare, gli uomini della mafia restano fuori dalle istituzioni e non c’è bisogno dell’intervento della giustizia per mantenerle al riparo.”

“Quando invece i partiti politici adottano il metodo del “fino a prova contraria, siamo tutti persone oneste”, allora i disonesti, magari risaputi, finiscono per sedere nelle stanze del potere. Vogliamo sperare davvero che la procedura avviata dalla prefettura accerti che siamo governati da istituzioni pulite, non infiltrate dalla mafia. Sarebbe per noi un sollievo. Ma chiediamo anche al sindaco e ai partiti che governano questa comunità di cominciare, finalmente, a fare politica. La vera politica non ha bisogno di prove, basta l’odore: non si possono tenere accanto sospetti mafiosi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Pio e Amedeo non l'hanno presa bene: "Non fate finta di non capire quello che abbiamo detto". Selvaggia Lucarelli: "Studiate"

Attualità

Pio e Amedeo tacciati di "superficialità" dalla comunità ebraica. Battute sull'avarizia? "Si radica razzismo che favorisce fenomeni più gravi"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento