Manifestarono contro soppressione del Tribunale di Lucera: denunciati, anche avvocati

Il parlamentare socialista Lello Di Gioia: “Istituzioni statali sempre più distanti dalle necessità del territorio”. Interrogazione al ministro della Giustizia, Andrea Orlando.

Tribunale di Lucera

Dopo la soppressione del Tribunale di Lucera per i cittadini lucerini è in arrivo un altro dileggio. Sarebbero, infatti, almeno quaranta gli indagati accusati di interruzione di pubblico servizio durante il 14 settembre 2013, quando avvenne la soppressione del Palazzo di Giustizia di Lucera. In quella giornata, cittadini e avvocati si riversarono davanti al palazzo di giustizia, celebrando un consiglio comunale straordinario e  manifestando per il servizio importante sul territorio cui venivano sottratti.

Tra gli indagati, la maggioranza sarebbero avvocati che, ovviamente, in numero maggioritario, in quanto operatori della giustizia, difendevano un diritto della collettività nell’utilizzo di un’istituzione fondamentale come il tribunale, nel proprio territorio. È quanto denuncia il deputato socialista Lello Di Gioia, che interroga il ministro della Giustizia, Andrea Orlando: «la manifestazione pur nella forte delusione della cittadinanza che si sentiva privata di un ulteriore servizio importante da parte dello Stato, si era svolta sostanzialmente in maniera pacifica - si spiega nell’interrogazione - e, nel primo pomeriggio, gli operai cominciavano, infatti, le operazioni di primo trasloco, con scatoloni, pc, e fascicoli. Apprendere ora - rincara Di Gioia - che oltre alla chiusura stanno per arrivare denunce nei confronti dei cittadini che quel giorno protestarono, rischia di ampliare la distanza e le tensioni nei confronti delle istituzioni dello Stato, che vengono sentite sempre più distanti dalle necessità dei territori.

Si aggiunge a questo, la conferma della facile previsione che la scelta di privare un territorio, a forte presenza criminale, di un presidio di legalità avrebbe determinato una preoccupante impennata dei reati». Nella speranza che l’inchiesta in corso possa ristabilire la piena verità su quanto accaduto, e fermo restando la piena autonomia della magistratura, Di Gioia chiede ad Orlando anche se siano stati effettuati accertamenti sugli effetti negativi per il territorio, dovuti alla mancanza del Palazzo di Giustizia, e se vi sia la volontà di rivedere la decisione presa, sia per quanto riguarda Lucera che per altri Tribunali, cosiddetti minori, che svolgevano una funzione fondamentale di deterrenza alla criminalità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento