Giovedì, 28 Ottobre 2021
Incidenti stradali San Severo

Provocano incidente e scappano, poi l'auto prende fuoco: quattro feriti

Schianto tra una Jaguar con targa inglese e una Lancia Y. Ad ora non si hanno notizie degli occupanti della Jaguar che sarebbero fuggiti a piedi tra i campi circostanti, incuranti di lasciare l'auto al centro della carreggiata

Provocano incidente e scappano, lasciando la loro Jaguar con targa inglese al centro della carreggiata. E’ quanto accaduto la scorsa notte, lungo la Statale 16, in agro di San Severo: un violento impatto frontale-laterale tra una Lancia Y con a bordo quattro giovani sanseveresi e l’auto con guida a destra, di cui si cercano ancora gli occupanti.

Il fatto è successo al km 634, in direzione Termoli. Feriti i quattro giovani, tutti trasportati all’ospedale “Masselli Mascia” del centro dell’Alto Tavoliere, ma dimessi nel corso della notte: fortunatamente le loro condizioni non erano gravi. I quattro, infatti, sono riusciti ad uscire dall’auto poco prima che quest’ultima venisse distrutta dall’incendio divampato a seguito dell’impatto. Sul posto, per i rilievi e gli accertamenti del caso, una pattuglia della polizia stradale di San Severo.

Ad ora non si hanno notizie degli occupanti della Jaguar che, secondo una prima ipotesi degli operatori, sarebbero fuggiti a piedi tra i campi circostanti subito dopo l'incidente, incuranti di lasciare l’auto al centro della carreggiata. Dalle prime informazioni raccolte si tratterebbe di un’auto di proprietà (e non provento di furto) perché, al momento, non risultano denunce di furto riguardanti auto di lusso. Sul posto è stato necessario l’intervento di una squadra dei vigili del fuoco del distaccamento di San Severo; gli uomini del 115 hanno spento le fiamme che avevano avvolto l’utilitaria, poi hanno bonificato e messo in sicurezza il tratto stradale.

Foto | San Severo, provoca incidente e scappa: 4 feriti

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provocano incidente e scappano, poi l'auto prende fuoco: quattro feriti

FoggiaToday è in caricamento