Incidente mortale tra San Severo e Apricena, violento scontro tra auto e tir: purtroppo c'è una vittima

Incidente stradale sulla Statale 89 tra Apricena e San Severo. Ancora da accertare la dinamica che ha portato al violento impatto tra un'utilitaria e un tir. Sul posto 118, vigili del fuoco e carabinieri

Il luogo dell'incidente

E' di un morto il bilancio dell'incidente stradale avvenuto poco dopo le 13, lungo la Statale 89, nel tratto che collega San Severo ad Apricena, dove si è verificato un violento impatto tra un'utilitaria e un tir

Dalle prime informazioni raccolte, si è trattato di un violento tamponamento: l'auto, con a bordo la vittima, ha tamponato il mezzo pesante che lo precedeva, rimanendo schiacciata. Nulla da fare per il conducente dell'utilitaria: è morto sul colpo. Si tratta di Leonardo Ruggero, 76enne della città del marmo e della pietra. 

Sul posto, insieme agli operatori del 118, è stato necessario l'intervento di una squadra dei vigili del fuoco del distaccamento di San Severo, mentre i rilievi del caso sono affidati ai carabinieri di Apricena. 

Potrebbe interessarti

  • Il fascino di Càlena, l'abbazia sul Gargano dove si narra vi sia custodito il tesoro di Barbarossa

  • La grotta di San Michele che si specchia sul lago di Varano, un luogo suggestivo che trasmette una sensazione di pace

  • Colon irritabile: cos'è, sintomi e possibili cause

  • Arredare casa: le 5 piante da interno che non hanno bisogno di luce

I più letti della settimana

  • Francesco Ginese non ce l'ha fatta: è morto a Roma

  • Tragedia nelle acque del Gargano: bagnante muore annegato

  • Tragedia alle porte di Foggia, violento impatto tra un furgone e una moto: c'è una vittima

  • Tutta Foggia è con Francesco, che lotta tra la vita e la morte: si è reciso l'arteria femorale mentre scavalcava un cancello

  • Tragedia nel Foggiano: morta 11enne, genitori ricoverati in gravi condizioni a San Giovanni Rotondo

  • Foggia in lacrime per la tragica morte di Francesco: "Addio amico mio, non doveva finire così!"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento