La malavita si fa sentire, a fuoco il centro di raccolta rifiuti a Monte Sant'Angelo. Il sindaco: "Mafia cancro che ci divorerà"

Ignoti hanno appiccato il fuoco all'area, distruggendo un prefabbricato in legno utilizzato come deposito di attrezzatura varia, e danneggiando un'altra struttura situata poco distante. Sull'accaduto sono in corso le indagini dei carabinieri

Il luogo dell'incendio

A fuoco l'area ecologica gestita dalla 'Tecneco', in via Cimitero, alla periferia di Monte Sant'Angelo. Il fatto è successo intorno alle 2 della scorsa notte, quando ignoti hanno appiccato il fuoco all'area, distruggendo un prefabbricato in legno utilizzato come deposito di attrezzatura varia, e danneggiando un'altra struttura situata poco distante.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, che hanno messo in sicurezza l'area, ma non hanno trovato tracce evidenti di liquido infiammabile nè altro tipo di innesco, benchè tutto farebbe pensare ad un incendio di matrice dolosa. Sull'accaduto indagano i carabinieri, che hanno acquisito le immagini delle telacamere presenti in zona. 

"Ancora un incendio. Ancora il Centro Comunale di Raccolta. Ancora i rifiuti", spiega incredulo il sindaco Pierpaolo D'Arienzo. "Stiamo impiegando tutte le nostre forze per lanciare un’immagine diversa della nostra città: la Città dei due Siti Unesco, la città dei gemellaggi internazionali tra i principali centri della cristianità in Occidente, la città della storia e della cultura. Notizie di questo tipo ci riportano indietro, a scenari ed etichette che non vorremmo più cucirci addosso. E così ci indigniamo se i giornalisti su emittenti televisive nazionali definiscono la nostra città come la “culla della mafia garganica”, la quarta mafia più pericolosa d’Italia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ci aggrovigliamo in ragionamenti di alto profilo giuridico per comprendere le arcane motivazioni che hanno portato allo scioglimento del Consiglio comunale, mettendo in dubbio finanche l’operato della giustizia amministrativa e di quella penale. La verità - conclude - è che la mafia esiste, è ancora forte ed è ben radicata nel territorio. Si alimenta dell’economia delle nostre imprese, delle nostre famiglie. Siamo in guerra e la Squadra Stato è una delle forze in campo. Il resto spetta a noi cittadini perbene, a noi persone oneste. Se continuiamo a restare a guardare, se continuiamo ad indignarci senza reagire, questo cancro prima o poi ci divorerà e non ci sarà alcuna speranza per la nostra terra, per il nostro futuro, per i nostri figli".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intenso nubifragio su Foggia: allagamenti e black out in città, chiuso il sottopasso di via Scillitani

  • Ancora assalto a portavalori sulla A14: paura tra gli automobilisti e traffico bloccato verso Canosa

  • Coronavirus, risalita vertiginosa dei contagi: 26 nuovi casi in Puglia (9 nel Foggiano)

  • Il mare agitato tiene 'in ostaggio' 7 persone (tra cui 3 bambini): militare di Amendola si tuffa in acqua e le salva: "Ho temuto anch'io"

  • Dal Lussemburgo alla Puglia per le ferie: 6 turisti positivi al Covid-19, erano partiti senza attendere i risultati del test

  • "Non posso 'chiudere' la Regione". Emiliano ai prefetti: "Regole ferree: dobbiamo convivere col virus"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento