Controlli al porto di Margherita di Savoia: aree marittime occupate abusivamente, 14 denunciati

Una task force dei carabinieri ha effettuato un servizio straordinario di controllo dell'area portuale, dove sono state riscontrate numerose irregolarità

Immagine di repertorio

I carabinieri della compagnia di Cerignola riuniscono una task force per verificare il rispetto della legalità nel vicino porto di Margherita Di Savoia, a tutela sia della salute dei consumatori che degli operatori onesti: numerose le denunce per irregolarità.

Ancora prima dell'alba di lunedì scorso, infatti, i Carabinieri del Nucleo Ispettorato Lavoro di Foggia e del Nucleo Antisofisticazione Sanitaria di Bari, con il supporto dell'equipaggio della motovedetta di stanza presso la Compagnia di Manfredonia, tutti coordinati dal Comando della Compagnia di Cerignola, hanno eseguito una serie di approfonditi controlli nei confronti delle attività presenti presso il porto di Margherita di Savoia.

I militari si sono innanzitutto concentrati sul rispetto delle norme igienico-sanitarie nel settore della pesca e della vendita del pescato, contestando ad un commerciante la detenzione per la vendita di prodotti ittici privi di etichette per la tracciabilità, con la conseguente sanzione amministrativa di 1.500 euro, elevandone poi anche un'altra, da 3.000 euro, sempre nei confronti dello stesso, per aver impiegato presso la propria attività un lavoratore irregolare, impiegato "in nero".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un'altra pesante sanzione è stata elevata anche nei confronti di un pescatore del posto, anch'egli trovato in possesso di prodotti privi di etichette per la tracciabilità. Ad entrambi sono stati sequestrati pescato, mitili e crostacei vari per alcuni quintali. Dopo le verifiche a scopo sanitario, i Carabinieri si sono concentrati su quelle riguardanti il rispetto delle norme interne al porto stesso, e anche qui con importanti risultati. Quattordici sono infatti state le persone denunciate alla Procura della Repubblica competente per aver occupato  abusivamente, con le  proprie imbarcazioni, le aree demaniali marittime del porto in questione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento