Querela giornalista per diffamazione, ma mentiva: artigiano condannato ad 1 anno e 4 mesi (pena sospesa) per calunnia

L'avvocato Fischetti: "Questa sentenza di colpevolezza è un monito verso quel fenomeno evidenziatosi negli ultimi anni prodotto dal troppo facile ricorso alla querela come strumento per intimidire gli operatori dell’informazione"

Immagine di repertorio

Da accusatore a imputato, chiamato a rispondere di calunnia nei confronti di una giornalista de La Gazzetta del Mezzogiorno - Gazzetta di Capitanata, reato rispetto al quale è stato riconosciuto colpevole e condannato a 1 anno e 4 mesi di reclusione, pena sospesa, con pagamento delle spese processuali e risarcimento danni.

La cronista si era ritrovata, suo malgrado, coinvolta in una infamante vicenda giudiziaria scaturita da una querela per diffamazione a mezzo stampa presentata dalla presunta vittima a seguito di un articolo in cui la giornalista riferiva di due ordinanze sindacali di sgombero di un immobile storico, di proprietà del Comune di Manfredonia, che l’Ente voleva da tempo ristrutturare e riconsegnare alla fruibilità della cittadinanza, ma che l’artigiano continuava a occupare, senza titolo, con i propri attrezzi da lavoro. Egli aveva negato la notifica di uno dei due provvedimenti amministrativi richiamati in articolo, sostenendo di essersi sentito denigrato da tale addebito.

"Però mentiva sapendo di mentire", spiega il difensore della cronista, l'avvocato Pierpaolo Fischetti. "All’esito della disamina, la Procura di Bari non solo aveva avanzato richiesta di archiviazione in merito alla posizione della giornalista, ma aveva ravvisato, nella querela, gli estremi del reato di calunnia nei confronti di quest’ultima. Il fascicolo, pertanto, veniva trasmesso alla Procura di Foggia per competenza territoriale". 

"Questa sentenza di colpevolezza è un monito verso quel fenomeno evidenziatosi negli ultimi anni prodotto dal troppo facile ricorso alla querela come strumento per intimidire e perseguitare gli operatori dell’informazione che hanno il difetto di dire la verità, nelle piccole storie del quotidiano come nella cronaca dai più ampi e articolati risvolti". Tranciante il giudizio del legale: “assistiamo ormai sempre più sovente all’uso indiscriminato della giustizia per fini strumentali e diametralmente opposti alle finalità che si prefigge tale Istituzione. Il sistema giudiziario è una questione importante, cercare di ingannarlo comporta gravi danni ed è giusto che le conseguenze di un comportamento calunnioso siano duramente represse, come in questo caso. Se a ciò si aggiunge che tali bieche pratiche si escogitino per intimorire la stampa - conclude l’avv. Fischetti - allora è bene darne maggiore vigore”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • "Mamma come l'ho combinato". Tutte le vittime della violenta 'Società Foggiana': "Qui le estorsioni devi pagarle a noi"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

Torna su
FoggiaToday è in caricamento