Bracconieri sorpresi nel Parco: uno non si ferma all’alt, sequestrati fucile e cinghiale abbattuto

Carabinieri Forestale di Mattinata e Manfredonia in azione a Vieste: sequestrati un fucile, una ricetrasmittente e un cinghiale illecitamente abbattuto

Il fucile sequestrato

Altri due cacciatori, nell’ambito dell’attività di antibracconaggio, sono stati sorpresi dai militari delle stazioni Carabinieri Forestale di Mattinata e Manfredonia, in agro di Vieste, all’interno del Parco Nazionale del Gargano, mentre esercitavano attività venatoria in area protetta.

I due soggetti sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria mentre sono stati sottoposti a sequestro penale un fucile da caccia, una ricetrasmittente utilizzata illecitamente senza autorizzazione e un esemplare di cinghiale illecitamente abbattuto. Uno dei due soggetti, non fermatosi all’alt, a seguito collaborazione con i militari del Comando Tenenza di Vieste, veniva inoltre deferito per l’art. 650 c.p.. L’attività rientra tra i servizi mirati del controllo dell’attività venatoria a tutela degli ambienti naturali della provincia di Foggia e per il contrasto al bracconaggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

  • Blitz antidroga nell'alto Tavoliere: una dozzina di arresti e perquisizioni nell'operazione 'Jolly'

Torna su
FoggiaToday è in caricamento