menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Blitz anti-prostituzione in circonvallazione, scatta la 'retata' alle porte di Foggia: identificate e multate 6 donne

Il dispositivo ha effettuato dei controlli sulla Statale 673, nel tratto di strada compreso tra via Ascoli e via Napoli, dove sono state sorprese 6 donne (cinque romene e una bulgara) intente ad esercitare l’attività di meretricio

Blitz anti-prostituzione a Foggia: ieri sera, gli agenti della Squadra Volanti e del Reparto Prevenzione Crimine, insieme ai militari della Guardia di Finanza, hanno svolto un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato a contrastare il fenomeno della prostituzione, in ottemperanza ad una specifica ordinanza emessa dalla Questura di Foggia.

Il dispositivo, coordinato da un Funzionario della Polizia di Stato dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, ha effettuato dei controlli sulla Statale 673, nel tratto di strada compreso tra via Ascoli e via Napoli, dove sono state sorprese diverse donne ad esercitare l’attività di meretricio.

In particolare, sono state rintracciate complessivamente sei donne, di cui cinque di nazionalità romena ed una di nazionalità bulgara, sprovviste di documenti d’identità. Le stesse sono state accompagnate negli Uffici della Questura per essere sottoposte ai rilievi fotografici e dattiloscopici che ne hanno consentito la compiuta identificazione. 

Da ulteriori accertamenti è emerso che una delle donne fermate, una rumena di 28 anni, in passato era stata colpita da provvedimento di allontanamento dal territorio nazionale con contestuale divieto di ritorno. Per effetto di ciò la stessa è stata denunciata all’Autorità Giudiziaria e rischia una condanna sino a tre anni di reclusione. Un’altra donna rumena, di 35 anni, è stata trovata non in regola con la normativa sul permesso di soggiorno e, pertanto, la sua posizione è al vaglio dell’Ufficio Immigrazione.

Infine, a tutte è stata contestata la violazione dell’ordinanza sindacale che "vieta di porre in essere comportamenti tesi ad offrire prestazioni sessuali a pagamento, consistenti nell’assumere atteggiamenti ammiccanti, indossare un abbigliamento indecente e nel mostrare nudità, ingenerando la convinzione di esercitare la prostituzione". Tale violazione comporta una sanzione amministrativa pecuniaria fino a 500 euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento