menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Tenta la fuga, ma inseguito dai poliziotti finisce in un canale di scolo: arrestato

E' accaduto sull'autostrada A14. Durante la fuga il furgone carico di merce rubata si è ribaltato in un canale di scolo. Arrestato un pregiudicato di 55 anni, responsabile di rapina, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale

La notte scorsa, sull’autostrada a 14 all’altezza dell’area di servizio Torre Fantine, in territorio foggiano, la polizia ha tratto in arresto un noto pregiudicato andriese di 55 anni, ritenuto responsabile dei reati di rapina, ricettazione e resistenza e violenza a pubblico ufficiale.

I poliziotti della Sottosezione Polizia Stradale di Bari Sud e di Trani, a seguito di una complessa attività investigativa, hanno individuato un’auto, già nota, che transitava ripetutamente sul tratto di strada indicato, con funzioni di “vedetta”, con lo scopo di segnalare ad altri complici l’eventuale presenza di pattuglie di Polizia.

Nel contempo gli agenti intercettavano un furgone, con targhe false, asportato in provincia di Bari, che si allontanava da un’area di servizio presumibilmente con a bordo della refurtiva. Iniziava un inseguimento durante il quale il furgone, a seguito di una manovra pericolosa, finiva in un canale di scolo delle acque a margine della carreggiata. I poliziotti, dopo una breve colluttazione, lo hanno tratto in arresto.

La perquisizione del furgone consentiva di rinvenire e sequestrare 250 pneumatici nuovi, rapinati poco prima ad autotrasportatori nell’area di servizio citata, una sacca con smerigliatrice e tronchese, un apparato radio-scanner per intercettare eventuali comunicazioni delle pattuglie di polizia. Sono in corso indagini per ricostruire l’esatta composizione del sodalizio criminale e la dinamica della rapina patita dagli autotrasportatori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento