Scoppia rissa all'esterno di un locale, per un commento su una ragazza: tre arresti

Sul posto carabinieri e polizia. I militari hanno arrestato tre giovani, due albanesi e un macedone. Nella zuffa, due agenti sono rimasti feriti

Immagine di repertorio

Attimi di panico, lo scorso sabato sera, in via Conte Appiano, a Foggia, dove è avvenuta una violenta rissa tra cittadini macedoni e albanesi. Per il fatto, tre soggetti - due di nazionalità albanese e uno macedone - sono stati arrestati in flagranza di reato per rissa dai carabinieri della compagnia di Foggia, giunti sul posto per ristabilire l’ordine.

Convalidati i fermi, gli indagati sono stati rimessi in libertà. I tre - Suat Aliovski, macedone di 29 anni, Elvis Ajdini e Denis Mucmataj, albanesi 20 e 19 anni -  sono stati fermati all’esito di una rissa scoppiata all’alba all’esterno di un locale in via Trento. La rissa sarebbe scaturita per un apprezzamento di troppo rivolto ad una ragazza, già impegnata sentimentalmente.

E’ scattata, quindi, una zuffa tra cittadini macedoni e albanesi: calci e pugni, finché l’intervento immediato dei carabinieri non ha riportato la calma. No senza difficoltà: durante l’intervento, infatti, sono rimasti feriti anche due agenti della polizia di stato, intervenuti in soccorso dei carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento