menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
UN fotogramma

UN fotogramma

Troppi litigi con la fidanzata: cugini di lei lo puniscono con sei pistolettate

E' quanto scoperto dalla polizia, nell'ambito delle indagini relative all'agguato registrato il 1° novembre in via Andria, a San Severo. Ferito un 22enne: il movente è sentimentale. Fermati i fratelli D'Aloia

La micro-criminalità sanseverese non c’entra. Dietro l’agguato ai danni del 22enne Carmine Fantasia, colpito con 6 pistolettate alle gambe e all’addome, il 1° novembre in via in via Andria, c’è un regolamento di conti per questioni sentimentali.

E’ quanto scoperto dagli agenti della squadra mobile di Foggia, insieme ai colleghi del Commissariato di San Severo, che hanno eseguito un fermo di indiziato di delitto emesso dalla locale Procura della Repubblica di Foggia, del 29enne Alessio Carlo D’Aloia, pregiudicato, e ritenuto responsabile del tentato omicidio Fantasia.

Subito dopo il fatto, l’uomo si era reso irreperibile; questo a seguito di un primo fermo, eseguito negli scorsi giorni, nei confronti del fratello Angelo Raffaele di 43 anni, dopo che già circolava la notizia ufficiosa di una possibile quadratura del cerchio della vicenda. Per la polizia, il movente dell’azione delittuosa va individuato nei dissapori sorti tra il ferito e la sua fidanzata, cugina dei fratelli D’Aloia.

Litigi a seguito dei quali gli stessi avevano avuto vari alterchi, culminati nel ferimento della vittima con colpi di arma da fuoco, nel primo pomeriggio di domenica 1° novembre. Ad incastrare i fratelli, le immagini estrapolate da una telecamera piazzata in zona, che hanno immortalato i due mentre mettevano a segno l’agguato e mentre fuggivano a bordo di una autovettura Fiat 500X.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Puglia in bilico tra il giallo e l'arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento