Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Cerignola

Droga nel cimitero e armi del borsone: quattro arresti nel cerignolano

Detenzione di stupefacente e detenzione illegale di armi. Continuano ad essere questi i principali reati contestati nei bollettini delle operazioni a largo raggio operate dai carabinieri

Detenzione di droga e detenzione illegale di armi. Continuano ad essere questi i principali reati contestati nei bollettini delle operazioni a largo raggio operate dai carabinieri del comando provinciale di Foggia e dei locali comandi, tenenze e stazioni.

A Cerignola, infatti, la scorsa notte, altre due persone sono state arrestate per droga, due per detenzione illegale di armi. Nel primo caso, si tratta di B.S., di 25 anni, trovato in possesso di 20 grammi di cocaina destinata allo spaccio, bilancino di precisione e vario materiale per il confezionamento della droga. Tutto il materiale, compreso lo stupefacente, era occultato in una cappella in disuso del cimitero di Cerignola.

Stesso reato contestato a M.M. 23enne. Nella sua abitazione di Cerignola sono stati ritrovati 28 grammi di cocaina abilmente occultati ed in parte già suddivisi in dosi monouso pronte per essere spacciate, materiale per confezionare le dosi e conservare lo stupefacente, un taglierino intriso di sostanza ed un bilancino di precisione.

Per quanto riguarda, invece, la detenzione illegale di armi, ad Ascoli Satriano, i carabinieri, durante un servizio di controllo delle armi detenute dai privati, hanno tratto in arresto un uomo di 55 anni, A.C.. I militari hanno accertato che l’uomo deteneva illegalmente presso la sua abitazione e nei locali della sua azienda un fucile da caccia, due fucili semiautomatici calibro 12 e due pistole calibro 7,65 con relativo munizionamento per un totale di 106 cartucce.

Le armi sono state ritrovate con il colpo in canna. Sono ancora in corso gli accertamenti volti a risalire alla provenienza delle stesse. L’uomo, sprovvisto di alcun tipo di autorizzazione per la detenzione delle armi, è stato associato alla casa circondariale di Foggia, mentre il piccolo “arsenale” è stato sottoposto a sequestro.

Nascondeva, invece, le armi in un borsone Matteo Tarantino, di 44 anni. L’uomo è stato sorpreso con un borsone contenente una pistola calibro 7,65 con matricola abrasa, 117 cartucce calibro 7,65, due bilancini di precisione, due centraline elettroniche utilizzate per commettere furti di veicoli, targhe e chiavi di auto contraffatte e 650 grammi circa di hashish.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga nel cimitero e armi del borsone: quattro arresti nel cerignolano

FoggiaToday è in caricamento