San Marco la Catola, calciatore picchia e manda l’arbitro in ospedale

E’ quanto accaduto durante una gara di prima categoria del campionato molisano. Stefano Patella del San Marco La Catola è stato espulso fino al 30 giugno 2019

Immagine di repertorio

Dovrà stare lontano dai campi fino al 30 giugno del 2019 il calciatore del San Marco La Catola, squadra che milita nel campionato molisano di prima categoria, autore di un increscioso episodio avvenuto durante la trasferta di Roseto Valfortore del 6 gennaio scorso.

Stando a quanto trascritto sul referto arbitrale, Stefano Patella avrebbe dapprima calpestato con forza e violenza il piede destro dell’arbitro provocandogli forte dolore, poi, alla notifica dell’espulsione avrebbe reagito in maniera spropositata tirando con violenza e rabbia un fortissimo schiaffo al viso dell'arbitro, provocandogli forte dolore, stordimento e forti giramenti di testa. Non pago della sua reazione il Patella si sarebbe avvicinato di nuovo all'arbitro colpendolo con un violento calcio allo stomaco, procurandogli forte dolore e sensazione di vomito

Era il minuto 18 del secondo tempo quando il direttore di gara, non essendo nelle condizioni psicofisiche idonee, sospendeva definitivamente la gara e rientrava negli spogliatoi grazie alla fattiva collaborazione dei dirigenti locali. Rientrato in sede e visto il persistere dello stato di stordimento e del dolore alla guancia destra, l'arbitro si recava presso il Pronto Soccorso dell'Ospedale di Campobasso dove gli veniva diagnosticata una contusione ecchimotica dell'emivolto di destra e parete addominale con prognosi di giorni otto.

Per questo motivo il giudice sportivo ha inflitto al San Marco la Catola la perdita della gara a tavolino e squalificato per due anni e mezzo il calciatore autore della violenta aggressione all’arbitro

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Taglio e piega a domicilio, nonostante il Coronavirus: sorpresa e denunciata parrucchiera abusiva

  • "Venite c'è un'autovettura rubata". Polizia si precipita in via Lucera: non era rubata ma dentro c'era della cocaina

  • Coronavirus, giovane foggiano trasferito d'urgenza a Bari: in gravi condizioni si è reso necessario l'impiego di Ecmo

  • Coronavirus: se un defunto muore in casa nessuna vestizione (indipendentemente dalla causa del decesso)

  • Il Coronavirus non si ferma ma galoppa: 41 nuovi contagi nel Foggiano e 13 morti in Puglia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento