menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Accoltellati lungo la "pista", chiedono aiuto al Cara: trasportati in ospedale (non sono in pericolo di vita)

Il grave episodio è avvenuto sabato scorso. Oggi presso la "pista" abusiva di Borgo Mezzanone vi abitano circa 2mila persone che vivono in condizioni di assoluta precarietà e al di sotto degli standard minimi di dignità

Non sono gravi le condizioni dei due ghanesi che sabato scorso sarebbero stati feriti da arma da taglio lungo la pista del Cara di Borgo Mezzanone. Accompagnati da alcune persone, i due feriti, rispettivamente al braccio e al costato, avevano chiesto aiuto all'infermeria del vicino Centro di Accoglienza Richiedenti Asili ed erano stati poi trasportati presso il Pronto Soccorso degli Ospedali Riuniti di Foggia. Non è chiaro se i due si siano affrontati dopo un feroce diverbio oppure siano stati aggrediti da altre persone. Avviate le indagini per stabilire autori e movente.

Oggi presso la "pista" abusiva di Borgo Mezzanone vi abitano circa 2mila persone che vivono in condizioni di assoluta precarietà e al di sotto degli standard minimi di dignità. In particolare le residenze sono baracche realizzate con materiali infiammabili, rifornite di energia elettrica con cavi volanti e male isolati che sfiorano il terreno spesso in prossimità di pozze di acqua, riscaldate con bombole del gas acquistate illegalmente e prive di ogni manutenzione, puntellate da cumuli di rifiuti, tutte situazioni che creano un concreto pericolo di ulteriori incendi.

Il 20 febbraio scorso erano stati abbattuti i manufatti dello spaccio e della prostituzione per spezzare quel circuito tra criminalità e occupanti. L'insediamento abusivo costituisce, infatti, terreno fertile per il fenomeno criminoso del caporalato e dello sfruttamento del lavoro (specie in agricoltura), oltre che per lo spaccio di sostanze stupefacenti, la prostituzione gestista da organizzazioni criminali, la ricettazione e la rivendita di beni rubati e per altre attività illecite, solo in apparenza meno gravi come l'esercizio abusivo di ristoranti, bar e rivendite di generi alimentari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La storia di Giuseppe Sciarra, regista foggiano vittima di bullismo omofobico quando era bambino: "Per i miei coetanei me lo meritavo"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento