Mascherine obbligatorie alla 'San Pio X', il no riguarda solo alcuni genitori: "Il buonsenso avrebbe dovuto prevalere"

La replica di un gruppo di mamme di alunni che frequentano la 5^ D del Circolo didattico foggiano: "Il 'no fermo' riguarda solo alcuni genitori. Non saremmo dovuti arrivare a queste degenerazioni per rispetto a chi ha lavorato per la riapertura"

"Per quanto attiene la nostra classe, il 'no fermo' riguarda solo alcuni genitori tra cui vanno annoverati quelli che, senza alcun mandato da parte del gruppo classe, ma su legittima iniziativa personale hanno partecipato all’incontro di sabato 26 settembre insieme ad altri genitori delle altre classi". È quanto dichiarano alcune mamme degli alunni della 5^ D della scuola San Pio X di Foggia, una delle tre classi per le quali - a causa della mancanza di banchi monoposto in grado di garantire il distanziamento - si era reso necessario l'obbligo di mascherine per gli alunni per tutte le ore di lezione

Necessità alla quale si sono opposti alcuni genitori rifiutandosi di firmare il patto di corresponsabilità. Il diniego, seppur non abbia riguardato la totalità delle mamme e dei papà dei piccoli studenti, ha costretto la dirigente scolastica ad adottare la turnazione delle classi dello stesso numero di alunni nelle ore pomeridiane. 

"Certo, la situazione non è semplice, e mai come ora la salute va riguardata, ma il buonsenso avrebbe dovuto prevalere e non arrivare a queste degenerazioni anche per rispetto di chi ha comunque lavorato per la riapertura della scuola e negli ultimi giorni si è prodigata sia per fornire ai propri alunni la massima tutela sia per garantire ai genitori più idonee garanzie.  Sembra alquanto contraddittorio non firmare il 'Patto di corresponsabilità', ma mandare ugualmente i propri figli in una scuola ritenuta non sicura. L’obbligo di frequenza ha, infatti, i suoi limiti e le sue prerogative", puntualizzano. 

"Ciò che auspichiamo - concludono - è che la situazione rientri con il contributo di tutte le istituzioni intervenute per garantire la riapertura delle scuole, non di certo affidata esclusivamente alla sola iniziativa singola di ciascun istituto scolastico, anche attraverso il contributo di personale competente e qualificato o, come spesso si suol dire, dotato del buon senso di “padre di famiglia”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento