Giovedì, 23 Settembre 2021
Attualità

Picco di contagi, situazione drammatica in Puglia: scatta l'operazione 'smart working' per limitare gli spostamenti

Sottoscritto un avviso comune nel quale invitano tutte le imprese con unità produttive site nel territorio pugliese a ricorrere il più possibile all’utilizzo dello smart working al fine di ridurre le possibili occasioni di contagio in ambito lavorativo.

FOTO ANSA

Curva dei contagi in salita e incremento dei posti letto nelle terapie intensive e in area non critica in Puglia nonostante la zona rossa.

Per questo motivo nel pomeriggio di ieri le parti sociali ConfartigianatoImprese, CNA, Confindustria, Confcommercio, Confesercenti, Confcooperative, Legacoop, Confapi, Casartigiani, CLAAI, Coldiretti, Confagricoltura, CIA, Copagri e CGIL, CISL e UIL della Puglia, accogliendo l’appello dei giorni scorsi del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano di adottare – laddove possibile, e in ragione del ciclo produttivo – ogni azione tesa ad ottenere una importante riduzione degli spostamenti del personale in organico nelle imprese pugliesi, hanno sottoscritto un avviso comune nel quale invitano tutte le imprese con unità produttive site nel territorio pugliese a ricorrere il più possibile all’utilizzo dello smart working al fine di ridurre le possibili occasioni di contagio in ambito lavorativo.

Nell’avviso comune si invitano altresì le Prefetture e le autorità preposte al presidio del territorio, al monitoraggio continuo ed all’adozione di adeguate e concrete azioni di controllo finalizzate ad evitare che gli sforzi e gli ulteriori sacrifici richiesti a lavoratrici, lavoratori e imprese pugliesi vengano vanificati da diffusi atteggiamenti di refrattarietà alle regole.

Sta di fatto che dagli ultimi dati disponibili, la trasmissione del virus si realizza principalmente in ambito familiare e fuori dall’ambiente di lavoro. Ecco perché le principali associazioni sindacali e di categoria della Puglia hanno richiesto a gran voce l’intervento delle Prefetture e delle autorità locali per arginare i comportamenti di quella parte della popolazione che sembra essere refrattaria al rispetto delle regole anti-Covid e che, in qualche maniera, sta vanificando proprio gli sforzi fatti con grande responsabilità dalle imprese e dai lavoratori per ridurre la circolazione virale.

“Dobbiamo uscire il prima possibile da quest’incubo. La via maestra è, ovviamente, quella di procedere velocemente con le vaccinazioni”, sollecita il presidente di Confartigianato Puglia, Francesco Sgherza. Le imprese sono luoghi in cui le norme anti- Covid vengono applicate puntualmente e pertanto vanno scongiurate ulteriori restrizioni. Pensate ai locali degli acconciatori e delle estetiste: sono diventati ambienti quasi sanitari ma, nonostante ciò, sono stati sottoposti a chiusura dalle norme nazionali. È ormai evidente che per ogni sforzo e ogni sacrificio fatto, ci sono fette della cittadinanza che sottovalutano o, per qualche strano motivo, non percepiscono più il rischio: abbiamo ancora ben presenti le immagini delle nostre città nei giorni scorsi, specie con il bel tempo. Sono scene che non possono ripetersi. È doveroso controllare le situazioni in cui aumenta il rischio di assembramento e contagio, moltiplicando i controlli per strada, atteso che al momento appare essere questo il punto critico, piuttosto che quello delle aziende. Infine – conclude Sgherza – considerata l’esiguità delle somme messe a disposizione dal Governo nazionale e alla luce delle nuove restrizioni, è urgente ripensare a ristori anche sul livello regionale. Sia chiaro che, sostegni a parte, il primario interesse delle nostre imprese è quello di tornare a lavorare in condizioni di serenità. XMa per farlo, serve l’impegno di tutti. Nessuno escluso"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picco di contagi, situazione drammatica in Puglia: scatta l'operazione 'smart working' per limitare gli spostamenti

FoggiaToday è in caricamento